Uno scaffale di libri all'interno dello sportello "Ecoscambio"

BACOLI –  Libri, giocatoli, dvd, monitor, stampanti, scanner, ventilatori e perfino tre dizionari di cinese da questa mattina attendono un nuovo “proprietario” all’interno del Centro per l’Ambiente di via Giulio Cesare 107. Sono questi infatti i primi oggetti conferiti presso lo sportello “Ecoscambio” presso la sede della “Flegrea Lavoro” dove è stata allestita una sala ad “hoc” nella quale sarà possibile conferire o ritirare gratuitamente oggetti e materiali suscettibili ancora di riuso. Infatti ogni residente del comune di Bacoli da oggi potrà recarsi presso lo sportello durante gli orari di apertura ( il mercoledì dalle 10 alle 12 e il giovedì dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18) e come in una sorta di “mercato dell’usato” potrà scegliere e ritirare il prodotto di proprio interesse.

Il sindaco di Bacoli Ermanno Schiano e il presidente della "Flegrea Lavoro" Renzo Geronazzo

LE MODALITA’ –  Al momento del ritiro l’utente sarà tenuto a firmare un documento  con il quale si assumerà ogni responsabilità circa l’utilizzato dell’oggetto ritirato impegnandosi a destinarlo agli usi consentiti dalla sua natura, dalla sua funzione e con l’impegno di non abbandonarlo. Alla stessa maniera, chiunque vorrà “donare” oggetti funzionanti potrà, alla stessa maniera di chi acquisisce, consegnare il prodotto firmando un documento attraverso il quale ne assicurerà le funzionalità. Non si tratta quindi di una forma di “baratto” in quanto chi ritira non sarà tenuto a consegnare alcunché; idem per chi consegna.

Tra i primi oggetti conferiti anche uno stereo

IL SINDACO –  A tagliare il nastro all’iniziativa che ha pochi precedenti in Italia questa mattina il sindaco del comune di Bacoli Ermanno Schiano e il presidente della Flegrea Lavoro Renzo Geronazzo «Con questa iniziativa si evita che gli oggetti funzionanti che troppo spesso riteniamo superati diventino rifiuti offrendo così la possibilità a chi non ha disponibilità economiche di acquisirli gratuitamente – ha spiegato il sindaco Schiano – Inoltre, l’Ecoscambio contribuisce ad infondere la cultura del riuso che insieme al riciclo ed alla riduzione dei rifiuti costituisce un passo fondamentale per favorire processi di sviluppo sostenibile. Così facendo riduciamo enormemente le quantità di rifiuti da smaltire e di conseguenza anche i costi per lo smaltimento».  Soddisfatto il presidente della Flegrea Lavoro Renzo Geronazzo,– «Nonostante apriamo oggi possiamo constatare come i cittadini abbiano già risposto positivamente all’iniziativa. Stiamo avviando una campagna di sensibilizzazione anche nelle scuole perché è importante infondere nei più piccoli la cultura del riuso visto che il  nostro futuro sono loro».