Scoperto a Somma Vesuviana un cimitero di auto rubate

NAPOLI – Un vero cimitero di auto rubate avevano organizzato A.E. di 59 anni, G.P., di 44 anni e A.I di 17 anni, a Somma Vesuviana. Per questo sono stati arrestati, dagli agenti del Commissariato di polizia San Giuseppe Vesuviano, accusati di concorso del reato di riciclaggio di autovetture e motori di auto. Il 17enne, ucraino, è stato anche denunciato in quanto sprovvisto di permesso di soggiorno.

AUTO RUBATE – Da diverso tempo gli agenti stavano indagando su un’area adibita all’autodemolizione situata a Somma Vesuviana alla via Contrada Madama Fileppa e nella quale potevano nascondersi autovetture di origine furtiva. Ieri mattina i poliziotti, dopo aver scavalcato i cancelli,  hanno notato due uomini, E. e il 17enne, armeggiare sulla carcassa di un’auto. Dopo aver bloccato i due gli agenti hanno riscontrato che quell’auto, una Fiat Panda, era stata rubata il mese scorso. Altre sono state le auto e parti di esse provenienti da furto trovate all’interno dello sfasciacarrozze.

IN MANETTE – Quando la polizia è intervenuta G. P. non era ancora presente nello scasso. Ma è giunto poco dopo alla guida di un autocarro all’interno del quale gli agenti hanno rinvenuto motore e parti di un’autovettura Fiat 500 anch’essa rubata. In un container sono stati scoperti altri motori sui quali sono in corso accertamenti relativi alla loro provenienza. I tre sono stati arrestati mentre le auto e loro parti sono state sequestrate.