QUARTO – Il Comune di Quarto ha accolto la richiesta delle autorità del Governo della Repubblica Araba Democratica dei Saharawi e dell’Associazione “Bambini Senza Confini ETS” e da oggi ospiterà nel bene confiscato al clan Polverino e oggi ribattezzato “Albergo Diverso-B&B della Legalità” di via Campana un gruppo di 8 bambini e 4 bambine, oltre a due accompagnatori, del Popolo Saharawi. Popolo che, nonostante il riconoscimento dell’ONU del proprio diritto all’autodeterminazione, per sfuggire alla guerra si è rifugiato in un campo profughi nel deserto algerino da dove continua ancora oggi la propria strenua resistenza.

DOMANI LA PRESENTAZIONE – Il gruppo di bambini e bambine, piccoli ambasciatori di pace del popolo Saharawi ospitato a Quarto, è l’unico presente in tutta la Campania e per la prima volta in Italia l’ospitalità avviene in un bene confiscato alle mafie. Domani mattina alle 11, nella sede dell’Albergo Diverso-B&B della Legalità, il sindaco di Quarto, Antonio Sabino, insieme all’assessore alle Politiche Sociali, Angela Di Francesco e all’assessore alla Legalità e Beni confiscati Raffaella De Vivo, al presidente dell’Associazione Bambini Senza Confini ETS, Fulvio Rino, al responsabile dell’ATS che gestisce il bene confiscato Albergo Diverso-B&B della Legalità, Giovanni Esposito, al Presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli, al referente del bene confiscato Casa Mehari, Ciro Biondi ed ai rappresentanti della Fondazione Polis della Regione Campania, presenterà alla stampa il fitto programma delle attività previste per le prossime due settimane e il gemellaggio tra i giovani studenti di Quarto e il popolo Saharawi.