di Elena De Mari

L'ingresso principale della scuola
L’ingresso principale della scuola di via Reginelle

POZZUOLI – Mettere in sicurezza la scuola. Questa la richiesta avanzata dall’Associazione culturale “Reginelle” che ha denunciato le condizioni pericolose e lo stato fatiscente della struttura dell’ Istituto comprensivo Ottavo circolo “Oriani/Diaz” di via Reginelle. La scuola, primaria e dell’infanzia, risulta essere in pessime condizioni. L’associazione denuncia soprattutto  lo stato in cui versa l’edificio esterno, e in particolare: il cornicione dell’entrata principale che i genitori ritengono pericolante, ferri che spuntano dalle mura, lampioni senza copertura di sicurezza, struttura umida in quanto non penetra il sole a causa di troppe piante che andrebbero potate, l’assenza di erogatori esterni per la presenza di ratti.

 

La petizione presentata al Comune
La petizione presentata al Comune dai genitori della scuola di via Reginelle

IL DOCUMENTO– La petizione presentata dall’Associazione, che ha raccolto oltre cento firme dei genitori dei piccoli alunni, era diretta al Sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, all’Assessore all’istruzione Alfonso Trincone, al dirigente ufficio giardini Attilio Iaccarino. Nel documento, protocollato il 24 marzo 2014 ed a cui non è ancora pervenuta nessuna risposta, si legge “ L’associazione “Reginelle” denuncia la situazione presente nel plesso da anni e mai risolta. Chiediamo di non essere dimenticati per la sicurezza dei bambini”.

 

LA RICHIESTA – «Chiediamo la sicurezza dei bambini – ha spiegato Giuseppe Longobardi, presidente dell’associazione – chiediamo la messa in sicurezza dell’edificio scolastico. Sono stato convocato dalle mamme per le condizioni in cui versa la struttura. La scuola all’interno funziona benissimo, le maestre fanno il loro dovere e ringrazio tutta l’amministrazione per il lavoro che quotidianamente mette in campo. Ma se ci sono i fondi o se arriveranno – conclude il presidente – noi chiediamo di spenderli per la messa in sicurezza della scuola di Reginelle».

 

LE FOTO

[cronacaflegrea_slideshow]