POZZUOLI – Negozi chiusi, gente barricata in casa, la paura che serpeggia tra i lotti popolari. Il coprifuoco che scatta ogni giorno all’avvicinarsi dell’ora “X”, quella che accomuna quasi tutti i raid del “fantasma”, tra le 19.30 e le 20.30. In questo lasso di tempo ha colpito numerose volte, in particolare nel quartiere di Monterusciello nel fazzoletto di case popolari tra i “600 alloggi” e i lotti 1-3-5. E non lo ha fatto a caso. E’ qui che ci sono quelli della vecchia guardia del clan di Gennaro Longobardi, i reduci, le nuove leve e le piazze di spaccio che tanto fanno gola al “fantasma”. E ai suoi. Si, perchè è inverosimile pensare che l’autore di tanti di gambizzazioni, pestaggi, spari e stese si stia muovendo da solo.

NUOVO CLAN – Per farlo c’è bisogno di supporto logistico, nascondigli, mezzi, armi, complici. Forse c’è un nuovo clan che starebbe nascendo intorno alla sua figura, cani sciolti che avrebbero trovato un nuovo “leader”. E che sembra aver dichiarato guerra al boss Gennaro Longobardi, visti i nomi dei due bersagli colpiti giovedì sera. Intanto nel quartiere la tensione è alle stelle, come la paura tra la gente. Il timore più grande è che si scateni una vera e propria guerra di camorra tra le strade di Monterusciello, sempre più una polveriera, dove dagli uomini del boss detenuto potrebbe arrivare la “risposta” al fantasma.