di Stefano Erbaggio

iniziativa_833
Tecnici di Legambiente effettuano prelievo presso la foce del Depuratore di Cuma (foto di repertorio)

POZZUOLI – Legambiente denuncia la scarsa depurazione delle acque a Pozzuoli. L’SOS arriva al termine del monitoraggio delle acque campane, eseguito durante la storica campagna di Legambiente, Goletta Verde. Desolanti i risultati relativi alle coste puteolane, presentati il 4 luglio. Entrambi i punti analizzati, lo sbocco del canale di Licola e del depuratore di Cuma, sono risultati “fortemente inquinati”. Bene invece la foce del Lago Fusaro, le cui acque rientrano nei limiti di legge.

 

LE ANALISI – I prelievi e le analisi di Goletta Verde sono stati eseguiti dal laboratorio mobile di Legambiente dal 19 al 22 giugno. I parametri indagati sono microbiologici (enterococchi intestinali, Escherichia coli) e vengono considerati come “fortemente inquinati” i risultati che superano di più del doppio i valori limite previsti dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia (Dlgs 116/2008 e decreto attuativo del 30 marzo 2010). L’associazione ambientalista non vuole sostituirsi agli enti preposti, in questo caso l’Arpac: Goletta Verde non analizza la balneabilità, ma scatta una fotografia sullo stato della depurazione delle acque che vengono immesse nei nostri mari.

 

I rilievi effettuati da Goletta Verde
I rilievi effettuati da Goletta Verde


LA DEPURAZIONE IN CAMPANIA
– «La Campania, purtroppo, da anni è gravata da una pesante carenza depurativa, tant’ è che figura tra le regioni che hanno procurato ad oggi l’avvio di ben tre procedure d’infrazione da parte dell’Unione Europea – afferma Giancarlo Chiavazzo, responsabile scientifico di Legambiente Campania – Per far fronte alla carenza depurativa la Regione Campania ha programmato la realizzazione di una serie di specifici Grandi Progetti per investimenti complessivi pari ad oltre 500 milioni di euro. Sebbene siano condivisibili gli intenti, siamo molto perplessi sulla efficacia e coerenza degli interventi proposti». Uno di questi Grandi Progetti interessa direttamente il sistema fognario dei Campi Flegrei, e la bonifica dei laghi.

 

BALNEAZIONE A POZZUOLI – Va ribadito che alcuni tratti storicamente inquinati del litorale puteolano, tra cui la foce del depuratore e di Cuma e via Napoli, sono stati dichiarati balneabile dall’Arpac in tempi recenti, e che il Comune di Pozzuoli e la Regione Campania hanno attuato provvedimenti per eliminare la fonte dell’inquinamento. Provvedimenti che il Comune non ha mai resi pubblici.