POZZUOLI«Mi avrebbe fatto piacere che avesse risposto l’assessore verde preposto all’Ambiente Zabatta, mentre ha lasciato il consiglio poco prima». Ad attaccare il vicesindaco non è un membro dell’opposizione,  ma addirittura Paolo Tozzi, coordinatore locale dei Verdi, nonché colui che ha proposto proprio il nome della Zabatta come rappresentante del partito ecologista nella squadra di governo targata Vincenzo Figliolia.

“DEDICHI IL SUO TEMPO ALLE ATTIVITÀ VERE” – Un attacco, quello di Tozzi, portato avanti con parole “soft” sulla propria pagina Facebook. Eppure, dalla spiegazione del post ne viene fuori una critica ancora più dura: «Lei deve stare sul suo settore, sulle sue attività e sui suoi uffici e pensare meno a pubblicare post o ad andare in giro. Il tempo che lei dedica a queste cose dovrebbe dedicarlo alle attività vere, come ad esempio alla questione della De Vizia, dell’erba e del mare inquinato».

SEPARATI IN CASA – Dunque, un clima da separati in casa tra Tozzi e l’assessore Zabatta. La stessa casa nella quale si evita di lavare i panni sporchi. «Non segue il suo riferimento politico, di chi ha più esperienza e che l’ha voluta come vicesindaco – prosegue Paolo Tozzi – Non riferisce del suo operato, cosa che non fa assolutamente da un po’ di tempo, preferendo altre strade. L’assessore è espressione di una parte politica e dovrebbe ascoltare e rispondere alle sollecitazioni, agli inviti  e ai suggerimenti del suo capogruppo. Purtroppo non sta succedendo così, sta  andando per conto suo e questo non va bene. A questo punto non mi rappresenta più, se va per conto suo non può essere considerata come assessore e vicensindaco indicata e scelta dal sottoscritto, ma di altri probabilmente. Non mi interessa sapere che idee ha e che strategie ha in mente. Anche l’idea di crearsi il gruppetto suo all’interno dei Verdi di Pozzuoli, è una cosa triste. E come se facesse una guerra in casa». Una guerra destinata ad andare avanti, restando in attesa di una eventuale replica da parte dell’assessore Fiorella Zabatta.