10474890_10204249924753243_4621379112382916383_n
Uno degli spettacoli della scorsa edizione

di Violetta Luongo
BACOLI –
Divenuto in quattro anni un appuntamento fisso dell’estate bacolese, anche quest’anno il Teatro alla Deriva prende il via con un ricco programma. Una rassegna unica in Italia, nata da un’idea di Ernesto Colutta con il contributo del drammaturgo e regista Giovanni Meola, che ne è anche direttore artistico per il terzo anno, presenta tre compagnie emergenti ma già affermate, ognuna delle quali metterà in scena il proprio spettacolo su una zattera galleggiante nel suggestivo scenario del lago termale delle Stufe di Nerone.

QUATTRO DATE – Il primo appuntamento ospiterà una forma particolare di spettacolarizzazione, ovvero l’Improvvisazione Teatrale con uno dei format, una delle tappe dell’ImproTeatroFestival in scena in diverse location in tutta la regione. Si parte il 28 giugno con “Harold”  (con Alessandro Cassoni, Susanna Cantelmo, Eugenio Galli, Daniele Marcori, Giorgio Rosa, Chiara Vitti). Una parola o una frase suggerita dal pubblico e “Harold” si mette in moto. Uno spettacolo in cui le diverse improvvisazioni si alternano, si intersecano e confluiscono sviluppando il tema dato. Una forma “diversa” di stare in scena utilizzando diversi linguaggi teatrali, dal canto all’espressione corporea.

PROGRAMMA DI LUGLIO – Il 5 luglio con compagnia del Futuro, Teen Theatre: “Ultimo primo giorno di re Ferdinando VIII”di Cristian Izzo, regia Ettore Nigro (con Cristian Izzo e Anna Bocchino) Ivan, impiegato comunale, è convinto di essere stato incoronato Re di Spagna (oggi, come ieri, come sempre) e per questo finisce in manicomio. Il disturbo d’identità resetta ogni giorno la sua mente, facendogli vivere sempre un solo unico giorno: il primo, e quindi l’ultimo, da sovrano. Il 12 luglio il Teatro Rostocco Acerra con “Piccole donne”di e regia Ferdinando Smaldone, (con Paola Guarriello, Chiara Mattiacci, Noemi Pirone, Maria Anna Russo, Chiara Vitiello e Francesca Caprio, Chiara De Cicco, Valeria Di Capua). Un grande classico, adattato e rivisitato: le quattro sorelle March che, nonostante le difficoltà della vita, affrontano a testa alta ogni sfida, trasformandosi da ragazzine in… Piccole Donne caparbie e volitive, messe in scena con una sensibilità che le rende nostre contemporanee.

SI CHIUDE CON TRE SCAPOLI – Il 19 luglio con Teatro a Cunzumè: “Tre magnifici scapoli”di Claudio Buono, regia Giovanni Merano, (con Francesco Saverio Esposito, Paolo Gentile, Grazia Lecce, Carlo Liccardo, Serena Pisa, Shanti Tammaro). Le sorelle Weddingspreen devono trovare marito prima che sia troppo tardi. I tre pretendenti si presentano bene ma uno di loro nasconde un terribile segreto. Questo lo spunto per una parodia divertentissima giocata tutta sul filo di un intelligente sarcasmo.