via Gaetano de Rosa 1BACOLI – Ztl nel centro storico di Bacoli a partire da questo week-end. E’ quanto ha stabilito l’Amministrazione guidata dal Sindaco Della Ragione attraverso una delibera di Giunta comunale adottata il 29 marzo scorso. Il provvedimento intende chiudere al traffico veicolare 365 giorni l’anno e ventiquattro ore su ventiquattro via Gaetano De Rosa e via Ercole. Così, in attesa dell’ordinanza definitiva, che verrà adottata nei prossimi giorni, già da questo fine settimana sarà istituita la Ztl «h24» con possibilità di passaggio per mezzi di soccorso, mezzi per il carico/scarico merci e per i residenti titolari di garage/posto auto.

DISAGI IN VISTA? – La “fresca” disposizione del Primo Cittadino, arriva come una vera e propria doccia fredda per decine di residenti, commercianti e liberi professionisti, molti dei quali si dicono preoccupati delle ripercussioni economiche ma anche di un eventuale imbottigliamento del traffico veicolare e dei disagi che potrebbero derivare dall’impossibilità di sostare anche soltanto temporaneamente la propria autovettura a pochi passi da casa o da studi ed uffici privati. A ciò si aggiunge la mancata presentazione alla cittadina di un Piano Urbano Traffico che tenga conto del succitato provvedimento, nonché la carenza di parcheggi liberi.

Via Gaetano de Rosa 2LE “RAGIONI” DEL SINDACO – Tuttavia, il sindaco Josi Della Ragione si dice soddisfatto della decisione presa. «Finalmente – commenta il capo dell’Esecutivo bacolese – il cuore economico e culturale del paese tornerà a pulsare. Lo apriamo ai pedoni, ai turisti, ai cittadini tutti, che rischiavano di essere investiti anche solo per acquistare un paio di scarpe. E’ una chiusura al traffico ma dal nostro punto di vista è un’apertura alla città ed alla modernità, perché un centro storico non si può vivere come lo si è vissuto finora. E’ stato fatto un gran lavoro dai consiglieri comunali Alessandro Radice, Alessandro Capuano, Ercole Mirabella e Dario Perreca che, coordinandosi con il Comando di Polizia Municipale, hanno definito un qualcosa che era ampiamente previsto dal nostro programma di governo. È una sfida che lanciamo ai commercianti, alle associazioni, agli imprenditori – conclude il sindaco – Create eventi, aprite nuove attività. Sostituiamo ad auto e moto, una marea di panchine, giochi, fioriere, sedie, tavoli, gazebo. Bacoli è soprattutto nostra ed ognuno di noi ha il dovere, chi da amministratore chi da semplice cittadino, di renderla un fiore, il fiore all’occhiello dei Campi Flegrei». E se nella teoria un progetto di città a misura di pedone piace a tutti (o quasi), l’idea di pagare profumatamente per un posteggio, invece, pare che la digeriscano davvero in pochi.