Il dottor Porzio

SALUTE – Stile di vita, benessere, salute e longevità. Gli studi non si fermano mai ed in tutto il mondo è corsa alla ricerca di farmaci, integratori e prodotti alimentari capaci di allungare la nostra vita. Un ultimissimo report svedese pubblicato sul “British Medical Journal” mette in risalto che le abitudini alimentarie (e salutari in genere) nella terza età possono aumentare la vita di cinque anni di vita alle donne e sei agli uomini. Un gruppo di scienziati del Karolinska Institute di Stoccolma ha deciso di prendere in esame per quasi venti anni la sopravvivenza di circa 1800 adulti, in un arco temporale compreso tra il 1987 ed il 2005. Sono stati presi in esame tutti quei parametri fondamentali: età, sesso, lavoro, istruzione, stile di vita e hobby. Sono stati considerate soprattutto abitudini negative quali fumo e alcol, capaci di ridurre notevolmente gli anni di vita nella maggioranza degli esseri umani.

STILI DI VITA –  Nell’arco di tempo preso in analisi, circa il 92% delle persone testate è morto, la metà di esse aveva superato i 90 anni. Gli stili di vita sono risultati determinanti. I non fumatori (ma anche gli ex fumatori) hanno guadagnato un anno rispetto ai fumatori, e chi faceva attività fisica moderata costantemente ha ottenuto altri 2 anni. Alimentazione corretta, ricca di frutta, verdura, pesce, frutta secca e magari integratori antiossidanti (dieta mediterranea) insieme al benessere psicofisico fornito dal vivere bene in gruppo ha ulteriormente allungato la vita di queste persone di oltre due anni.

L’ESPERTO –  Il coordinatore dello studio sottolinea: “Nel complesso le persone con un basso profilo di rischio guadagnano 5,4 anni in media rispetto a quelle con abitudini sbagliate”. Alimentazione giusta, attività fisica ed equilibrio psico-fisico globale sono quindi alla base di una lunga vita, al di là del “regalo” che la natura ci offre con un Dna più o meno resistente ai fattori esterni.

DOTTOR ROSARIO PORZIO