La carrozza deragliata

POZZUOLI –  Era partito dal binario numero uno della stazione di Licola alle 9.43, destinazione Montesanto. Chiuse le porte dopo pochi secondi si scatena il panico: il treno a due vagoni deraglia, la seconda carrozza del convoglio esce fuori dalla rotaia di sinistra, distrugge uno dei magneti posti a ridosso dei binari per poi proseguire la sua marcia per diversi metri. Il treno si inclina, a bordo ci sono 32 persone, si vivono momenti di forte tensione. Ma fortunatamente non ci sono feriti, solo qualcuno è in stato di schok.

Paura questa mattina a Licola dove è deragliato un treno della Sepsa sulla linea della Circumflegrea. Il convoglio proveniente da Torregaveta-Monte di Procida era diretto a Napoli-Montesanto. Dopo la fermata nella stazione di Licola era appena ripartito, stava procedendo a bassa velocità, circa 15 Km/h quando nell’attraversare un interscambio finiva fuori binario. In gergo tecnico si verificava uno “sviamento” delle ruote motrici del locomotore che una volta fuoriscite dal binario si andavano poi a impantanare nella massicciata.

Il treno è deragliato a pochi metri dalla stazione

LE IPOTESI – Probabilmente proprio uno smottamento nella massicciata su cui corrono le rotaie, forse a causa del maltempo di ieri, ma anche per le condizioni obsolete della linea ferroviaria avrebbero determinato il cedimento del piano di appoggio dei binari al passaggio del pesante mezzo. La bassa velocità e l’immediatezza con cui è stato bloccato il locomotore dal macchinista hanno evitato conseguenze più gravi. I passeggeri venivano aiutati a scendere dal treno dagli addetti della Sepsa che immediatamente, appena accortisi dell’accaduto, raggiungevano il convoglio. Da Fuorigrotta intanto veniva fatto partire un mezzo tecnico in soccorso che raggiungeva la stazione di Licola via Torregaveta. Nel frattempo la direzione della Sepsa disponeva la chiusura della tratta Licola-Monterusciello che veniva immediatamente interrotta a Grotta del Sole con forti ripercussioni ed enormi disagi per i viaggiatori nonostante l’attivazione del servizio sostitutivo di bus-navette.

Il magnete distrutto dopo il deragliamento

INDAGINI – Subito dopo l’incidente e per l’intera giornata sono stati al lavoro i tecnici per capire quali sono le cause che hanno provocato il deragliamento. Solo nel tardo pomeriggio il treno è stato rimesso sulle rotaie e veniva riaperto il traffico ferroviaria sul binario numero due della stazione di Licola. Mentre i lavori sul binario numero uno proseguiranno per tutta la notte.  Intanto è stata aperta una inchiesta da parte dell’ufficio tecnico della Circumflegrea per appurare proprio le cause sul deragliamento.

GENNARO DEL GIUDICE
[email protected]

foto di ANGELO GRECO
[email protected]

LE FOTO
[cronacaflegrea_slideshow]