CAMPI FLEGREI – «La discussione in atto sulla revoca della gestione di Autostrade sia l’occasione per liberare anche i napoletani dal pedaggio della tangenziale che resta l’unica superstrada interna a una metropoli in Europa in cui si è costretti a pagare. Noi Verdi siamo già in campo e lanciamo una nuova petizione contro questo ingiusto e super oneroso pedaggio con un mandato agli avvocati Pietro Marzano e Amedeo Pisanti per studiare il modo per revocare la concessione senza pesare sulle tasche dei napoletani». A chiederlo i Verdi, con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e i consiglieri comunali del Sole che Ride Stefano Buono e Marco Gaudini, per i quali «la gestione della tangenziale di Napoli è l’esempio lampante delle politiche degli attuali gestori che puntano sempre e solo al massimo profitto, come dimostra l’assurdità di aumentare il pedaggio periodicamente come si fa con le autostrade, anche se siamo di fronte a una superstrada interna a una metropoli. Di fatto negli anni i napoletani hanno procurato prevalentemente profitti record alla tangenziale».