NAPOLI – Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Montecalvario, nella serata di ieri, hanno arrestato Ciro Minieri, 19enne con precedenti di Polizia, responsabile di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. La scorsa notte i poliziotti, nel corso di un servizio di prevenzione e repressione dei reati in genere, con particolare riguardo al dilagante fenomeno dello spaccio di sostanza stupefacente, nel transitare nelle zone di competenza, in particolare in Largo Baracche, hanno notato un andirivieni di persone da un basso di quella strada. Tale circostanza ha generato il sospetto nei poliziotti che hanno deciso di controllare cosa avvenisse in quell’abitazione. Dopo qualche momento di reticenza l’uscio è stato aperto dal Minieri che si mostrava particolarmente sorpreso della presenza della Polizia di Stato.

LA DROGA – L’altra persona presente nella casa, ha immediatamente riferito agli agenti che era un consumatore di sostanze stupefacenti e che aveva appena comprato e consumato una dose, acquistata dal Miniero. Alla luce di tali dichiarazioni i poliziotti hanno proceduto alla perquisizione personale del Miniero, estesa anche all’appartamento, rinvenendo nella tasca dei pantaloni banconote di vario taglio per un valore di 425 euro ed un telefono cellulare. La successiva verifica, fatta nelle pertinenze dell’appartamento in uso al Miniero, nello specifico all’interno della cassetta della posta hanno trovato un sacchetto con all’interno quattro buste di sostanza bianca; in cucina un cucchiaino da caffè intriso di polvere bianca e collegato ad un videoregistratore, un impianto di video sorveglianza, per eludere in tempo eventuali controlli. La sostanza rinvenuta che ai narco‑test è risultata essere cocaina, aveva un peso complessivo di circa 44 grammi che unitamente all’impianto di videosorveglianza, al cucchiaino intriso di droga ed al danaro sono stati sottoposti a sequestro ed il Miniero condotto presso le camere di sicurezza della locale Questura, in attesa di essere sottoposto al giudizio con rito per direttissima.