QUARTO – Poco più di un mese dopo l’ultimo raid, i vandali sono tornati a far “visita” alla stazione della Circumflegrea di via Matteotti. Nella notte tra martedì e mercoledì, ignoti hanno imbrattato muri, cabine e pannelli con vernice spray. Inquietante il messaggio rivolto molto probabilmente al governatore della Campania Vincenzo De Luca.

MACABRO GIOCO DI PAROLE – Il suo nome non compare mai, ma sono tante le “vignette” il cui soggetto rassomiglia non poco all’ex sindaco di Salerno. D’altronde, lo stesso De Luca era stato preso di mira lo scorso 12 aprile assieme al presidente dell’Eav Umberto De Gregorio. Per entrambi messaggi non proprio d’amore. Questa volta, invece, i vandali sono andati oltre, con chiari messaggi di morte rivolti a De Luca, e il riferimento al “Grigio”, il colore utilizzato dagli operai per ricoprire le scritte di un mese fa. In pratica, un giro di gioco di parole nemmeno tanto sibillino, con De Luca, il grigio e la morte affiancati l’uno all’altro. Teschi stilizzati, bare, lo stesso De Luca riverso per terra. Così, dunque, si è presentata ai lavoratori Eav e ai viaggiatori la stazione della Circumflegrea.

“DENUNCIATI ALLE FORZE DELL’ORDINE” – «A qualcuno il grigio non piace e questa notte ha imbrattato tutto. Io li chiamo delinquenti – ha sottolineato De Gregorio – Abbiamo le telecamere. Ora denunciamo alle forze dell’ordine. Viene l’avvilimento. A volte sembra di combattere contro i mulini a vento. I cittadini si dovrebbero ribellare, combattere. Ma non ci arrendiamo». Sull’episodio è intervenuto anche il consigliere regionale dei Verdi Francesco Borrelli: «Ora le forze dell’ordine usino le immagini delle telecamere di videosorveglianza per identificare e punire i responsabili e, qualora fossero minorenni, le famiglie vanno condannate a pagare le spese per la ritinteggiatura. Sarebbe anche opportuno verificare se ci sono le condizioni per l’allontanamento dei figli da famiglie che, evidentemente, non sono in grado di dargli quell’educazione necessaria a impedirgli di andare in giro di notte a deturpare una stazione».

“PERSONE SENZA VOLTO” – Infine, il sindaco della città, Rosa Capuozzo che nel primo pomeriggio ha dichiarato: «Il sistema di videosorveglianza presente sarà di certo propizio per individuare i malfattori che hanno imbrattato nuovamente le mura della stazione della Circumflegrea. Volti coperti sono entrati ed hanno ricoperto con un gesto il lavoro che Eav, Regione e Comune di Quarto stanno cercando di portare avanti con non poche difficoltà. Persone senza volto cercano di minare il lavoro di persone che ogni giorno, invece, ci mettono la faccia come il presidente De Gregorio e lo stesso presidente De Luca che cercano di supportare questa amministrazione per dare quantomeno la normalità al paese».

ATTO VANDALICO – Così, invece, il suo vice Andrea Perotti: «La sinergia che il Comune di Quarto ha instaurato con l’Ente regionale è molto importante. Abbiamo, in termini di trasporto, raggiunto dei traguardi e questo è innegabile e se ci siamo riusciti lo dobbiamo al grande impegno che abbiamo messo in campo e al grande supporto dell’Ente Autonomo Volturno, nella persona del suo presidente Umberto De Gregorio e lo dobbiamo al presidente De Luca che con la sua presenza ha rafforzato questo impegno. Ci troviamo di fronte ad un atto vandalico e questo non facilita il nostro lavoro. Abbiamo bisogno di collaborazione affinché le cose funzionino».