QUARTO – Dopo oltre due anni e mezzo, i progetti per la messa in sicurezza di canali e vasche per la raccolta delle acque piovane sono stati finanziati. Per ottenere i fondi – pari a circa 2 milioni – si è dovuto mettere in atto un radicale cambio di strategia. Su proposta del settore Lavori Pubblici, il commissario Demetrio Martino ha ottenuto l’ok per conto del Comune direttamente da Roma. In particolare dal ministero dell’Interno, di concerto con quello dell’Economia e delle Finanze, tramite un decreto varato lo scorso 13 aprile in materia di “Contributi per interventi riferiti a opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio”.

PROGETTI PER 3,7 MLN DI EURO – Il primo anticipo di denaro – il 20 per cento del totale –  è già arrivato nelle casse di via De Nicola. Si tratta soltanto di una “fetta” di una torta ben più importante per Quarto: oltre 3,7 milioni di euro per diversi progetti. Tra questi,  ci sono quelli riguardanti via le vasche Cuccaro, Crocillo e Caselanno. Fino ad oggi si era in attesa che si sbloccassero i fondi Rendis (Repertorio Nazionale degli interventi per la Difesa del Suolo) del ministero dell’Ambiente, ma dal settembre 2015 nulla si era sbloccato. Finanziato, inoltre, il progetto per ripristinare il tratto di via Campana ceduto nell’ottobre di tre anni fa, nella zona così detta “del Castello”.