La famiglia di Paganelli ha accusato Equitalia

POZZUOLI – Restano gravissime le condizioni di Pietro Paganelli, il 72enne titolare di una officina nautica che sabato mattina si è sparato un colpo di pistola alla tempia. Ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale Loreto Mare, l’uomo è in coma dopo aver subito danni al cervello che i medici già ieri avevano giudicato non recuperabili. La famiglia, che risiede nella zona di via Napoli in via Domenico Fatale, ha pubblicamente accusato Equitalia per la cartella esattoriale arrivata all’uomo: “Si tratta di un errore, ed e’ stato umiliato al loro sportello”.