Un tris di rane nello "Stagno di Serapide"

POZZUOLI – Famosissime sono le cicogne di Strasburgo che ogni anno fanno visita alla cittadina europea nidificando sui comignoli e regalando uno spettacolo ai visitatori unico al mondo. Così come la cittadina francese aspetta le sue cicogne anche Pozzuoli aspetta la comparsa dei “suoi” animali. Nessun volatile regale come una cicogna od un airone, nessuna apertura alare mozzafiato ma a far visita ormai da molti anni sono a cadenza scientifica le rane nel Tempio di Serapide.

IL RITORNO DELLE RANE – Dopo le copiose piogge primaverili, il mancato funzionamento delle pompe idrovore all’interno del monumento di epoca romana, si crea il solito stagno e dallo stagno fanno comparsa le rane. Camminando sul belvedere che da sul Tempio in questi giorni si sente il classico gracidare del piccolo anfibio. A decine si scorgono poggiate qui e la nello “stagno archeologico”. Il fenomeno ormai è vecchio di qualche anno, cioè da quando non si riesce a mettere fine ai problemi delle pompe. A breve le piogge cesseranno e lo stagno inizierà a imputridirsi. Già ora l’odore che viene dallo specchio d’acqua è forte ma quando l’acqua inizierà ad appantanarsi del tutto si avrà un lezzo insopportabile.

ANGELO GRECO
LE FOTO
[cronacaflegrea_slideshow]