POZZUOLI – Un attentato da mettere a segno con un’auto da lanciare contro la folla. E’ quanto ipotizza la Procura di Napoli che ha coordinato le indagini svolte congiuntamente da Digos e Ros e che hanno portato all’arresto di un cittadino gambiano di 21 anni, Alagie Touray. L’uomo è stato ammanettato all’uscita della moschea in via Del Mare, a Licola Mare.

IL GIURAMENTO VIA TELEGRAM – Determinante un video che aveva diffuso mediante l’applicazione Telegram, nel quale giurava «fedeltà per il califfo di tutti i musulmani Abu Bakr A Qouraci Al Baghdadi e ascoltarlo e ubbidirlo, nel facile e nel difficile, nel medi di 2 ragiad oggi lunedì. E Dio è testimone di quello che dico». Il messaggio è stato intercettato dalle autorità spagnole, facendo così scattare le indagini poi portate a termine da carabinieri e polizia.

“PRONTO AD UCCIDERE” – «Non siamo davanti a una cosa insignificante. Lui aveva giurato fedeltà e per questo era pronto a compiere azioni delittuose – ha sottolineato il capo della polizia Franco Gabrielli – Il sistema ha però funzionato». L’arresto del 21enne risale allo scorso 20 aprile, poi convalidato il 24.