L'incontro con Pippo Civati a Napoli

POZZUOLI – Nasce a Pozzuoli il comitato a sostegno di Giuseppe Civati, uno dei candidati alle primarie dell’8 dicembre 2013 per la scelta del nuovo segretario nazionale del Partito Democratico. Promotori del comitato, che sta mettendo le “radici” in tutta l’area flegrea, sono i membri storici del direttivo del PD puteolano Paolo Ismeno, Luigi Contessa con la collaborazione del professor Ugo Marani, con cui hanno scritto un paragrafo sul “Mezzogiorno d’Italia” contenuto nella mozione di Pippo Civati. I tre, che alle scorse primarie appoggiarono Matteo Renzi quando la stragrande maggioranza del PD puteolano votò Bersani, oggi sposano l’idea del parlamentare monzese che non ha partecipato al voto di fiducia al governo Letta e che ha preso le distanze proprio dalla linea politica del sindaco di Firenze.

 

L’ANNO SCORSO POZZUOLI CON BERSANI – Il comitato nasce mentre la maggioranza del PD, che alle primarie del 24 e 25 novembre 2012 scelse  Pier Luigi Bersani regalandogli una schiacciante vittoria a Pozzuoli (1703 preferenze pari al 57,9% per l’ex segretario contro 379 voti pari al 12,9% di Renzi) oggi sembrerebbe voler “sposare” proprio quel Matteo Renzi “nemico” appena un anno fa.

 

Paolo Ismeno

I MOTIVI DI UNA SCELTA – « Noi non saliamo sul carro dei vincitori – spiega Paolo Ismeno, consigliere comunale del PD  dal 2008 al 201 durante l’amministrazione di centrodestra guidata da Pasquale Giacobbe – per noi oggi sarebbe facile restare dalla parte di Renzi visto che alle primarie appoggiamo proprio lui. La “logica” vorrebbe questo ma non è così. Alle scorse elezioni avevamo due scelte da fare: il vecchio o il nuovo. Pur non condividendo le sue linee politiche scegliemmo Renzi perché era importante sostituire la vecchia classe dirigente rappresentata da Bersani. Ma quel cambiamento tanto auspicato non è arrivato e oggi Renzi sembra essere diventato il Bersani di ieri» 

 

VERE PRIMARIE – «Il PD negli ultimi tempi ha vissuto due differenti fasi – prosegue Ismeno-  la prima, che attiene alle primarie precedenti in cui non c’era una divisione di collocazione politica ma semplicemente il bisogno di scegliere tra un’area “Usato sicuro” rappresentata da Bersani e un’area “Esigenza di cambiamento” rappresentata da Renzi. Ebbene, noi tra rinnovamento e conservazione scegliemmo il rinnovamento. Ora invece stiamo vivendo una seconda fase, che oggi ci pone di fronte alle vere primarie nel partito dove è in corso un posizionamento derivante da una discussione intorno a linee politiche e che oggi vede  delineate la linea di Gianni Cuperlo, che rappresenta l’usato sicuro ovvero Bersani; Renzi, che mantiene posizioni centriste e che vuole attuare un rinnovamento senza sinistra; e Civati, che conduce il vero rinnovamento con una sinistra progressista»

 

CONDIVISIONE AL 150% – «E dal momento in cui Bersani ha fallito oggi si pone il problema di avere una rappresentanza di sinistra. Tra l’altro questo dovrebbe essere anche il risultato più logico dopo anni di fallimenti della vecchia classe politica. Civati – conclude Paolo Ismeno – è l’unico che non ha votato le larghe intese, la fiducia al governo, l’elezione di Napolitano, il decreto del fare e noi condividiamo tutto ciò al 150%. Civati ha una concezione del PD come partito aperto, dove non ci dovrà essere più nessuno che si sveglia, propaga e decide. I partiti devono nascere dalla base, dalle periferie e non dall’alto come accade ora. Civati ce l’ha dimostrato prendendo in considerazione la nostra proposta. Con il nostro comitato vogliamo partire dalla gente, dal popolo di sinistra che crede in certi ideali. Sarà un comitato libero, che mette tutti allo stesso pieno senza priorità per nessuno e senza capi.»

 

IL COMITATO –Intanto, al comitato “pro-Civati”  fondato da Paolo Ismeno, Angelo Varchetta e Luigi Contessa stanno arrivando le adesioni da parte dei membri delle sedi territoriali del Pd, tra i quali  Anna Guarino, la responsabile dipartimento pari opportunità PD Pozzuoli e neo eletta nell’assemblea provinciale e Pasquale Massa dei democratici di Quarto. Nei prossimi giorni, inoltre, è prevista la presentazione ufficiale del movimento che nel frattempo è presente in rete con una pagina sul social network  Facebook dal nome “Pozzuoli per Civati”.

 

GENNARO DEL GIUDICE

 

LE FOTO DEI FONDATORI

[cronacaflegrea_slideshow]