Amianto "messo in sicurezza" a Monterusciello

POZZUOLI –  Dopo le decine di segnalazioni giunte dal comando di polizia municipale e dal corpo forestale dello Stato in merito all’abbandono e al deposito incontrollato di materiale contenente amianto in varie zone del territorio e dopo i numerosi solleciti inoltrati alla società De Vizia per la bonifica delle aree diventate discariche abusive di amianto in un’area vasta alcuni chilometri quadrati nella quale risiedono quasi 45mila persone, il Comune di Pozzuoli ha varato un piano straordinario contingibile e urgente di rimozione e bonifica del territorio per meglio tutelare la salute pubblica.

ALLARME –  «C’è urgente e improrogabile necessità di intervento per la salute pubblica, senza alcun indugio, per l’esecuzione degli interventi di bonifica dalle scariche abusive di materiale MCA amianto – si legge nella relazione di servizio protocollo n. 525 del Servizio comunale Ciclo Integrato dei Rifiuti – Tali interventi sono da considerarsi di somma urgenza». Secondo il rapporto di servizio è il quartiere di Monterusciello quello più colpito da queste discariche abusive e pericolose.

MONTERUSCIELLO L’AREA PIU’ COLPITA –  «Abbiamo fatto un capillare controllo del territorio, dal quale è emerso che ci sono chili di amianto depositati in via Campana, in via Brancati, in via Petito, in via Nicolardi, in via Severini, all’ingresso della Variante Domitiana “Monterusciello Nord” e all’altezza della Fima – sottolinea il sindaco Vincenzo Figliolia – Ci troviamo di fronte a siti inquinanti e potenzialmente nocivi per la salute pubblica. Abbiamo sollecitato più volte l’intervento della De Vizia, che ha ottemperato solo in parte, e ora abbiamo disposto immediate procedure di rilevamento con fotografie dei siti contaminati e la successiva comunicazione all’Asl Napoli 2 Nord e alla procura per le operazioni di rimozione e decontaminazione. Garantire la salute pubblica è tra le priorità assolute di questa amministrazione».