Lo striscione dedicato alla memoria di Enzo Longobardo

POZZUOLI –  Un triangolare in ricordo dell’indimenticato Enzino Longobardo, un esempio in campo e fuori, campione di lealtà sportiva e punto di riferimento per i compagni di squadra.  Il 26 dicembre ritorna quello che ormai è diventato un appuntamento fisso del calcio flegreo, il “Memorial Vincenzo Longobardo”. L’evento, giunto alla sua terza edizione, verrà disputato al campo Sant’Artema di Monteruscello alle ore 9,30 e vedrà la partecipazione di tre squadre: la Flegrea Vetri, la squadra Uisp campione in carica guidata in panchina da Salvatore Barbato, la Tattoo Shop di mister Dardano contro cui Enzino, tre anni fa, giocò la sua ultima partita e la Santangiolese Calcio, la formazione con cui vinse un titolo di prima categoria.

 

La locandina dell'evento in memoria di Enzo Longobardo

IL RICORDO – Lino Pisa, organizzatore del Memorial e amico fraterno di Enzino, ci racconta le modalità di svolgimento della manifestazione ma, soprattutto, ricorda Enzino con parole ricche di emozioni: «Le squadre si incontreranno tra di loro in incontri di trenta minuti. I tempi di gioco sono ridotti per consentire ai familiari di intervenire alla manifestazione e consegnare gadget di partecipazione a tutti i presenti. E’ stata annunciata, inoltre, anche la presenza del sindaco Vincenzo Figliolia. Tengo a fare un ringraziamento particolare alla famiglia Ruta per la completa disponibilità della struttura. E tengo a ringraziare anche Antonio Marciano e Gennaro Troise che, insieme a tutta la Uisp Zona Flegrea, sono stati fondamentali nell’organizzazione dell’evento, mettendo a disposizione la terna arbitrale e mostrando massima diponibilità a livello organizzativo per la conduzione del Memorial. E’ il minimo che possiamo fare per lui. – Continua Pisa nel suo ricordo – Il dolore è sempre più forte, più passano gli anni e più ci manca. L’importante è coinvolgere tante persone, che sia una giornata di festa per ricordare Enzo. Fin quando avrò la forza il Memorial andrà sempre avanti, diventando un appuntamento fisso per il calcio flegreo».

 

GRANDE SPORTIVO – Salvatore Barbato della Flegrea Vetri lo ricorda con grande commozione: «Il ricordo di Enzino per noi è indelebile, per quanto mi riguarda non potrò mai dimenticarlo. Per noi era diventato un vero e proprio punto di riferimento nello spogliatoio. Vorrei inoltre ringraziare la famiglia Longobardo – continua Barbato – per il legame che ha instaurato con la squadra: domenica scorsa erano presenti i figli di Enzo accompagnati dallo zio Mario Longobardo e per noi è stata una grande emozione vederli sul campo. Mario Longobardo ormai fa parte del nostro gruppo, è uno dei nostri». Ricordo intenso anche quello di Vittorio Argo, presidente della Santangiolese, che con parole ricche di emozioni ci racconta di Enzo Longobardo: «Enzo è arrivato nella mia squadra una quindicina di anni fa e abbiamo vinto il campionato di prima categoria 97/98, vincendolo da imbattuti. Nel corso degli anni abbiamo condiviso non solo la parte sportiva ma anche lavorativa. Un rapporto umano oltre che sportivo. Ci stimavamo –continua il Presidente Argo – e io lo volevo bene come un figlio, avevo molto rispetto di lui. Ragazzo educato, di poche parole, che con lo sguardo esprimeva quello che molti non sanno fare. Un vero dono di natura. In campo è stato preziosissimo. Ci ha messo sempre l’ardore, la volontà. Era un vero trascinatore. Quando seppi della sua perdita mi commossi molto. Ho apprezzato il comportamento di Lino Pisa: per lui l’amicizia va oltre anche la fratellanza. Ha sempre organizzato questo Memorial in modo encomiabile, un affetto incredibile il suo verso il caro Enzo. Mentre siamo al telefono guardo il gagliardetto di Enzo e mi emoziono; sono certo che sarà in paradiso a giocare una partita più importante di quello che giocava sulla terra». Anche quest’anno la Uisp partecipa all’organizzazione dell’evento. Antonio Marciano, presidente del Comitato Uisp Zona Flegrea, ricorda con immensa stima ed affetto Enzo Longobardo: «Enzo era uno di noi e noi della Uisp ci saremo sempre per lui, per onorare la sua memoria e far vivere il suo ricordo. La nostra partecipazione all’organizzazione avviene ogni anno e continueremo in questo senso per ricordare un nostro amico».