Studenti all'uscita dell'istituto magistrale "Virgilio"

POZZUOLI – Sotto un sole cocente e uscendo alla spicciolata tra brusii, sorrisi e qualche smorfia, hanno debuttato i maturandi delle scuole puteolane. Sono 491.491 gli studenti in Italia, di cui 64.900 campani, che oggi hanno iniziato l’esame di maturità. Il battesimo c’è stato con la prima prova, quella di italiano, nelle 4 tipologie: analisi del testo, articolo di giornale/saggio breve, tema di ordine storico, tema di ordine generale.

LE TRACCE – Fuorvianti le previsioni che, in questi ultimi giorni, davano come certa la traccia sul Novecento, in particolare Pirandello, su cui puntavano molti studenti. A sorpresa, stupendo tutti, è uscita l’analisi di un brano di Claudio Magris (da “L’infinito viaggiare”), saggista vivente, studioso della cultura mitteleuropea. E ancora la relazione individuo-società di massa, nel saggio breve o articolo di giornale, nell’ambito artistico-letterario, attraverso testi di autori tra i quali Pasolini, Montale, Canetti, i Paesi emergenti (per il tema storico), Stato, mercato e democrazia (tema socio-economico) corredato da testi di vari autori tra i quali Krugman e Zingales. “La ricerca deve scommettere sul cervello” il tema scientifico.

L'istituto Scientifico "Ettore Majorana" di Monterusciello

ISTITUTO VIRGILIO – “Ambito economico” è stata la scelta di Giusi Catone della sezione L dell’istituto Virgilio di Pozzuoli: «Ho scelto la traccia sul capitalismo – racconta – mi si addiceva di più. Cerano molte alternative, alcune delle quali prevedibili. Durante il sorteggio abbiamo saputo che la nostra sezione sarà la prima a incominciare gli orali, siamo nel panico, da oggi fino all’esame non chiuderemo libro, si studierà anche di notte». “Scommette sul cervello” la collega e amica De Rosa che ha puntato tutto sul saggio breve tecnico scientifico. «Imprevedibili gli autori usciti, domani c’è spagnolo ma mi preoccupano di più la terza prova e l’orale – sottolinea – dopo gli esami, proseguirò gli studi di lingue». Marco e Simone della quinta A e Q sono usciti insieme da scuola sorridendo nel pensare che la prima prova è passata. Scienze sociali e matematica, la prove che li attendono domani, l’emozione e l’ansia c’è ma «è superata appena si entra in classe». Marco sceglie il “Totalitarismo” per la tesina dell’orale. Il ’68 è invece il tema di Simone «mi piace tutto quello che è rivoluzione». Scienze Politiche e Giurisprudenza saranno il loro futuro universitario.

Due giovani studenti dell' ITIS di Pozzuoli

FUTURO INCERTO – «Tracce difficili che vertevano soprattutto sull’economia – dicono Claudia Di Mare e Bruna Caione della sezione L del Linguistico –  c’aspettavo un tema sulla “violenza delle donne” che invece non è uscito». Non è mancato un ultimo “bagordo” prima degli esami, un’uscita tra amici durata fino alle 23, come racconta Caione, per trascorrere le ultime ore insieme. Incerto il futuro, venato di speranza e una punta di pessimismo, chi punta al settore moda ma teme di dover lasciare tutto per andare a Roma chi invece vuole trovare uno sbocco che possa darle concretezza immediata.

SI SCHERZA ALL’USCITA DELL’ITIS – Scherzano sollevati, fumando una sigaretta e facendo due chiacchiere, alcuni maturandi della quinta A ed E dell’Istituto Itis di Pozzuoli. La sera, prima del fatidica prova, chi è rimasto a casa, chi ha giocato alla Xbox, chi è uscito, c’è anche chi scherza di aver studiato fino all’una di notte. Il saggio breve per tutti è stata la scelta. Unico del gruppo ha preferito l’analisi dell’articolo di giornale. «Il web c’ha ingannato, speravamo in Ungaretti – spiega uno dei ragazzi – io poi lo porto anche all’orale quindi avrei unito le due prove. Domani c’è “disegno e progettazione”, studieremo ma non ci perderemo la partita dell’Italia».

UNA SETTIMA

Studenti dopo il primo giorno di esami

DI ESAMI – Un unico pensiero passa per la mente dei giovani studenti: “Tra una settimana è finito tutto”, lo dicono ad alta voce, dandosi coraggio, Giusi, Fabiola, Pasquale e Marcello della sezione H. «Domani ci aspetta la prova di informatica – dicono – è dura. Ce la metteremo tutta, speriamo anche in qualche aiutino».

AL MAJORANA SI TEME MATEMATICA – Ora l’attesa è tutta per domani, matematica è la grande prova del liceo “Scientifico Majorana”. Alcune studentesse della sezione G, puntano sul “genio” di classe, indicando una ragazza, che all’università farà ingegneria, per cercare di aver qualche aiuto. All’imprevedibile analisi del testo di Magris ha puntato invece Annalisa Palumbo, della sezione B, «Gli esaminatori sono abbastanza buoni, il timore è per domani, la prova di matematica ci spaventa – spiega – il presidente della commissione già ci ha annunciato che farà controlli a tappeto». Momenti di panico quando nella classe è stata sorteggiata la lettera S che darà il via agli orali, non sono mancate lacrime per il compagno dal cognome sorteggiato. «Ho scelto la tipologia B, “L’individuo e la società di massa” – racconta Cristiana Iaccarino – la professoressa c’aveva sconsigliato di farla, ma io mi sentivo molto più ferrata sull’argomento e ho seguito il mio istinto. La mia tesina è sull’infinito, ma devo ancora trovare una giusta conclusione. Ora pensiamo a superare gli scritti».

 

VIOLETTA LUONGO 

 

LE FOTO (di Angelo Greco)

[cronacaflegrea_slideshow]