Il tratto di Via Campi Flegrei dove è avvenuto l'incidente

POZZUOLI –  E’ morto Giuseppe Maiorano, il 50enne di Marano investito venerdì scorso in via Campi Flegrei a Pozzuoli mentre andava al bar. Un’agonia la sua durata 7 giorni a causa di un grave ematoma cerebrale provocato dal violento impatto con l’asfalto. Le condizioni del 50enne sono sempre rimaste gravi fino a ieri quando poco dopo le 19 il suo cuore ha smesso di battere nel reparto di terapia intensiva dell’Ospedale “Santa Maria delle Grazie” di Pozzuoli. Dopo il decesso il Pubblico Ministero della Procura di Napoli ha disposto sequestro della salma che nella tarda serata di ieri è stata trasferita presso il centro di medicina legale del Secondo Policlinico di Napoli dove entro le prossime 48 ore sarà effettuata l’autopsia.

OMICIDIO COLPOSO –  Intanto si aggrava ora la posizione del conducente della Toyota Yaris che venerdì scorso poco dopo le 12 investì Maiorano: indagato in un primo momento per lesioni gravi, ora L.G. 30 anni di Licola, dovrà rispondere dell’accusa di omicidio colposo. Insieme a lui, al momento dell’incidente c’era un amico, rimasto dopo 7 giorni l’unico testimone della tragedia.  Giuseppe Maiorano quella mattina stava attraversando il tratto di strada di Via Campi Flegrei nei pressi della rotonda che porta verso la Compagnia dei Carabinieri di Arco Felice e il Ponte Copin quando, giunto a pochi metri dalla caffetteria, dopo aver oltrepassato lo spartitraffico veniva falciato da una Toyota Yaris grigia.

TRAGICO DESTINO –  Violento l’impatto: il 50enne veniva scaraventato a terra battendo la testa sull’asfalto e riportando un grave trauma cranico con formazione di un ematoma cerebrale, ma anche un trauma addominali oltre a diverse lesioni in diverse parti del corpo. Poi la corsa in ospedale fino al tragico epilogo di ieri sera, quando Maiorano dopo aver lottato per 7 giorni è deceduto. Sul caso indagano gli agenti della Polizia Municipale di Pozzuoli diretti dal Comandante Carlo Pubblico. Ironia della sorte, il 50enne di Marano è morto a pochi metri dal punto dove appena un anno fa, la sera di Pasquetta fu investita Maria Pettinati, la 61enne di Pozzuoli anch’essa morta dopo una lunga agonia.

GENNARO DEL GIUDICE
[email protected]