La Chiesa Sant'Artema di Monterusciello

POZZUOLI – Dopo 16 anni la Parrocchia “Sant’ Artema” di Monterusciello dice addio ai padri “Cavanis”. A salutare i padri venuti dal Veneto una immensa folla che domenica ha gremito la chiesa del quartiere puteolano. Un saluto commosso quello dei fedeli, che hanno riservato a Padre Luigi e a tutta la sua congregazione un lunghissimo applauso, segno di quanto la comunità parrocchiale fosse legata all’ordine proveniente dal Nord Italia nel 1997. Lo stesso saluto commosso che fu riservato al carissimo Padre Sergio scomparso lo scorso anno e mai dimenticato dai suoi parrocchiani.

IL PASSAGGIO DI CONSEGNE – Dopo anni che i padri venuti dal Veneto hanno governato la grande Parrocchia di Monterusciello, “Sant’Artema” non sarà più “Cavanis”, ma passerà nuovamente sotto il diretto controllo della Diocesi di Pozzuoli. La messa celebrata da Padre Luigi domenica 30 giugno infatti è stata l’ultima che i padri della congregazione hanno celebrato in quella che per 16 anni è stata la loro parrocchia. Presente all’addio ieri anche il Vescovo di Pozzuoli, Monsignor Gennaro Pascarella, che ha pronunciato parole di elogio per l’eccellente lavoro svolto dai Padri Cavanis in questi 16 anni.

NUOVO PARROCO – Tutti in parrocchia ricordano l’impegno profuso per legare i più giovani alla Chiesa, come le “Giornate Cavanis” che per anni hanno coinvolto i più piccoli dei quartiere. La decisione dei “Cavanis” di lasciare Monterusciello risale ad oltre un anno fa, ma il passaggio di consegne e arrivato solo in queste ore. Il nuovo parroco di Sant’Artema sarà Elio Santaniello, giovane sacerdote non ancora 40 enne, a lui l’arduo compito di sostituire la congregazione che aveva instaurato, specialmente con i più piccoli, un fortissimo legame. Padre Elio si insedierà ufficialmente solo l’8 settembre, anche se ormai dal 2 giugno ha “preso il controllo” della parrocchia.  Il nuovo parroco di Sant’Artema attualmente ricopre anche il ruolo di direttore del “Centro Diocesano Vocazioni”.

 

ANGELO GRECO