Il blitz dei carabinieri ha portato all'arresto 5 esponenti del clan Longobardi-Beneduce

POZZUOLI – Dopo i recenti nove arresti che hanno decapitato una vera e propria “holding dell’usura”, ecco che oggi all’alba un altro blitz anti camorra ha portato all’arresto cinque persone facenti parte del clan “Longobardi-Beneduce”. I carabinieri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli per estorsione aggravata dal metodo mafioso.

IL PIZZO NELLE FESTIVITA’ – Stando alle indagini portate avanti nelle scorse settimane il gruppo operava per il controllo degli affari illeciti nella zona di Pozzuoli e da anni costringeva alcuni imprenditori a pagare il pizzo con versamenti di denaro in occasione di Natale, Pasqua e Ferragosto.

LA “RATA DI NATALE” – L’operazione dei carabinieri,  coordinata dalla direzione distrettuale antimafia di Napoli, è scattata appena qualche giorno prima che gli affiliati del clan Longobardi-Beneduce facessero il consueto giro per intascare la “rata di Natale” destinata agli “Amici di Pozzuoli” ossia alle famiglie dei detenuti del clan.