I "box dell'Amore"

POZZUOLI – E’ boom di clienti al “Parco dell’Amore”. A meno di 24 ore dal taglio del nastro, circa venti auto hanno affollato i box de ” La Parada de l’Amor” nelle primissime ore di attività. Mentre la città si spacca tra favorevoli e contrari, con i primi in netto vantaggio, clienti, curiosi appresa la notizia circolata in rete, in tv e sui giornali, si sono recati sulla Solfatara per vedere con i propri occhi ciò che fino ad ora era stato realizzato solo a Crema e a Bari. “Ma allora è vero, esiste!” esclama un giovane giunto in auto con la propria fidanzata rivolgendosi a Riccardo, uno dei due fratelli titolati del Parco. Un via vai che è andato avanti per l’intera serata di giovedì, nonostante la presenza dei vigili urbani, impegnati nei controlli burocratici annunciati dal Sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia contrario al “Parco dell’Amore”.

GIOVANI SODDISFATTI – «E’ tutto tranquillo, stanno venendo numerose coppie contente per la nascita di questo parco – racconta Daniele, uno dei due titolari che dopo essere finito cassa integrazione si è “rilanciato” nel mondo del lavoro con la “Parada del Amor”  – I nostri clienti sono tutti molto entusiasti anzi alcuni dalla felicità sono scesi dall’auto complimentandosi con noi. Molti clienti vengono dai comuni vicini, ma anche i puteolani sono tanti».  Mentre due fidanzati all’uscita si lasciano andare «Siamo stati bene, perché nessuno ci ha dato fastidio, ci siamo sentiti sicuri e ritorneremo». Infine, lo sfogo di un residente della zona, che ha accolto con favore la realizzazione del parco «La presenza di quel Parco è un segno di civiltà – afferma Lello, che vive a pochi passi dal Parco dell’Amore – solo che dalle nostre parti regna l’ipocrisia figlia della nostra cultura bigotta».

 

GENNARO DEL GIUDICE