Uno degli ingressi del parcheggio multipiano

POZZUOLI – Era il 28 dicembre del 2006, quando l’allora governatore della Regione Campania Antonio Bassolino disponeva l’esproprio di tutti gli immobili e le particelle necessari per la costruzione del parcheggio multipiano di Pozzuoli di Via Gerolomini nel cuore del quartiere di Via Napoli. Una manna per il quartiere costiero e per tutta la città. Quasi 350 posti auto che potrebbero alleggerire, e non di poco, il “problema parcheggio” che, specie nelle ore serali e notturne attanaglia tutta Via Napoli e le zone limitrofe.

Un parcheggio da 350 posti auto

LA STRUTTURA E’ PRONTA, COSTO 10 MILIONI – I lavori sono praticamente terminati eppure la struttura non è ancora stata consegnata alla città. L’opera è costata alla collettività 10 milioni di euro. Lo scorso inverno si vociferava che il motivo del mancato collaudo erano da addebitarsi agli allagamenti che subiva la struttura durante le forti piogge. Oggi invece pare che il multipiano non possa essere aperto per un errore di progettazione, sembrerebbe che la “cabina elettrica”, così come è stata realizzata non riesca a reggere la tensione utile per il funzionamento di tutta la struttura.

L'interno del multipiano

UNA STORIA GIA’ VISTA – Una storia, quella del multipiano di Via Napoli, molto simile ad una vecchia e triste storia tutte puteolana, “Piazza a Mare”. Quando nella fine degli anni ’90 fu realizzata la Piazza sotto di essa si pensò ad un vasto parcheggio, quasi al livello della  banchina. Spazio che venne realizzato ma data l’esiguità dell’altezza del solaio non è mai stata consegnata alla città.

La struttura è stata completata ma rimane chiusa

UN PROBLEMA RISOLVIBILE – I problemi che avvolgono il multipiano sono meno “strutturali” e di più facile di risoluzione rispetto a quelli che hanno impedito l’apertura dei sotterranei di Piazza a Mare, ma resta a questo punto improbabile che il multipiano si possa aprire in tempi brevi.
PERICOLO SACCHEGGIO E VANDALISMO – Intanto la struttura è lì senza custodia e come spesso capita puà essere vittima di saccheggi e vandalismi, nel quartiere c’è già chi giura di aver visto ignoti asportare dal suo interno diverso materiale.

ANGELO GRECO
[email protected]