Largo Palazzine "assediata" dalle auto

POZZUOLI – Continua la lotta contro i parcheggiatori abusivi da parte degli agenti di Polizia Municipale di Pozzuoli. Questa volta il blitz ha interessato la zona di Largo Palazzina, proprio lo spiazzale dove la settimana scorsa è stato arrestato un Lsu che anziché prestare servizio al comune di Pozzuoli dove era impiegato, la mattina si dedicava a fare il posteggiatore abusivo. Una guerra contro il fenomeno che non conosce confini a Pozzuoli, dove ormai non sembra esserci angolo che non sia presidiato da guardamacchine abusivi. Via Napoli, il Porto, Arco Felice, La Pietra, Largo Palazzine le zone maggiormente “tartassate”.

UN PROBLEMA  ANNOSO- “Siamo intervenuti perché la situazione è diventata ormai insostenibile” fanno sapere dal comando di Polizia Municipale, che prosegue una lotta che sembra rivelarsi sempre più impari. Più di fermarli, identificarli e sanzionarli non è possibile fare altro. Leggi poco severe. Ed ecco che il giorno dopo, se non dopo poche ora ricompaiono spesso e volentieri negli stessi punti. Verbali e denunce che diventano carta straccia.

PARCHEGGIATORI IN FUGA – Ieri mattina quindi il blitz degli agenti della municipale è stato condotto contro i parcheggiatori abusivi di Largo palazzine, i quali alla vista dei caschi bianchi, a quanto pare sarebbero riusciti a darsi alla fuga. Ma l’operazione, oltre che gli abusivi, ha riguardato anche gli automobilisti indisciplinati, coloro che parcheggiano in “sosta selvaggia”. Così sono state rimosse diverse auto dallo spiazzale, alcune addirittura con le chiavi inserite nel cruscotto. Lasciate da chi, vedendo il parcheggiatore come persona “fidata”, gli affida la propria vettura magari per evitare di scendere più volte a spostare l’auto in sosta selvaggia. Così questa mattina qualcuno è sceso e non ha trovato più la propria macchina.  E si è visto costretto a pagare il verbale, la rimozione oltre ai soldi dati al parcheggiatore abusivo.