RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO – Spett.le redazione Cronaca Flegrea, è senza dubbio encomiabile la solerzia manifestata dal vostro ambientalista reporter nel documentare “un
lavoro certosino che però rappresenta un abuso, compiuto su suolo demaniale”, perpetrato sugli scogli della baietta della veronica, località “la pietra”. Però, come esistono omicidio colposo, preterintenzionale e volontario che vengono trattati e giudicati a seconda del loro peso specifico, così si verificano abusi in territorio demaniale che sicuramente non pesano
in egual misura. Ribadisco: veramente esemplari velocità ed esaustività con cui il vostro ambientalista reporter, che ritengo sia persona stanziale, ha riportato il “piccolo” abuso perpetrato sugli scogli, l’omicidio colposo. Francamente mi stupisce molto che il vostro ambientalista reporter stanziale non abbia usato la stessa solerzia nel denunciare non l’abuso, ma lo scempio reiterato nel tempo, l’omicidio volontario, perpetrato dall’imbarcadero posto di fronte agli scogli che ospitano la struttura così doviziosamente descritta e fotografata. Parte delle barche, inizialmente TUTTE ormeggiate al di fuori della scogliera, man mano sono state alloggiate sempre più verso riva, fino ad arrivare a pochi metri dagli scogli che ospitano la struttura denunciata dal vostro ambientalista reporter stanziale e non è escluso che l’alloggio dell’ombrellone posto sulla “piccola pedana bianca incollata” possa domani fungere da “bitta” per la cima di qualche imbarcazione, i cui ospiti continueranno impuniti a lavare opera viva e morta della suddetta ed a scaricare in acqua la qualunque, alla
faccia del vostro ambientalista reporter stanziale. Ovviamente questa situazione si verifica da qualche anno e risulta incomprensibilmente strano come ad un individuo così meticolosamente certosino nello scovare e descrivere la pagliuzza, gli sia sfuggita la trave.
Perciò spero che il vostro reporter faccia ciò che ha “dimenticato” di fare per gli anni addietro, un servizio altrettanto puntuale ed esaustivo non appena le imbarcazioni invaderanno ed inquineranno la baietta (e manca poco) e sicuramente tre foto non gli saranno sufficienti. Sient ‘a mme: “quella piccola pedana bianca incollata” è parvità di materia!

Maurizio C.