LICOLA – «Quando dici certe cose ci fai male e ci fai paura» Lo dice Charlie, 23 anni, migrante arrivato in Italia dal Camerun dopo aver lasciato alle sue spalle miseria, violenze e morte. Lo fa in un accorato appello che lancia al Ministro degli Interni, Matteo Salvini. «Tu fai il tuo lavoro e noi lo rispettiamo. Siamo venuti in Italia perchè in Africa non si può vivere. Bianchi, neri, gialli, siamo tutti uomini e uguali». Charlie oggi è ospite dell’associazione “Nessuno escluso”