Il campo di calcetto dove sarebbe avvenuta la tragedia

BACOLI – Stava giocando a calcetto quando improvvisamente il  pallone è finito nelle maglie della rete incastrandosi. Una corsa per recuperarlo, si arrampica alla porta, ma questa non regge. Crolla, gli finisce addosso, lo schiaccia. Il dramma si materializza in pochi minuti, inutile la corsa in ospedale, per il piccolo Michele Leoncino, appena 10anni, non c’è nulla da fare. E’ morto durante un gioco.

LA TRAGEDIA si è consumata ieri sera nei giardini dell’agriturismo “Fondi di Baia”, dove il piccolo originario di Giugliano si trovava insieme ai genitori. Inutile l’intervento dei sanitari del 118 e il trasporto all’ospedale “Santa Maria delle Grazie” di Pozzuoli dove subito dopo il piccolo è deceduto.

LA SPERANZA – Dopo la rovinosa caduta, inizialmente le sue condizioni avevano lasciato qualche speranza: all’arrivo dell’ambulanza infatti il bambino era ancora vigile, ma le sue condizioni sono poi peggiorate durante il trasporto in ospedale dove, una volta arrivato, è morto per arresto cardiaco.

LA TRAGEDIA – Michele stava giocando nello spazio verde, nel rettangolo riservato al campetto di calcio, quando il pallone finiva nella rete, perdendosi nelle maglie. A quel punto il piccolo tentava di recuperarlo, probabilmente aggrappandosi agli assi della porta. E a quel punto che la struttura cedeva. Michele sarebbe caduto a terra violentemente, poi schiacciato dal peso della Resta da capire come i pali della porta non abbiano retto al peso e siano caduti addosso al piccolo. Sul posto giungevano i Carabinieri della Compagnia di Pozzuoli e gli agenti del Commissariato di Polizia. Intanto dopo la tragedia il Pubblico Ministero incaricato dalla Procura della Repubblica di Napoli ha disposto l’autopsia sul corpo del bambino che in serata è stato trasferito al Secondo Policlinico di Napoli.

GENNARO DEL GIUDICE
[email protected]
ROBERTA LUCCI
[email protected]