Una veduta aerea dei Campi Flegrei

CAMPI FLEGREI – Dopo l’incontro di lunedì 18 marzo, durante il quale l’Associazione Albergatori dei Campi Flegrei ha incontrato il Sindaco di Monte di Procida Franco Iannuzzi, gli Assessori al Turismo di Pozzuoli Franco Fumo e di Bacoli Giuseppe Scotto di Vetta, e il preside dell’IPSAR “Lucio Petronio” Luigi Arionte per definire la partecipazione unitaria dei Campi Flegrei alla prossima BMT di Napoli, la Borsa Mediterranea del Turismo che si terrà alla Mostra d’Oltremare dal 5 al 7 aprile, gli albergatori insieme a Confesercenti e Asshotel, attraverso un documento firmato dal presidente Luigi Esposito chiesto formalmente a sindaci e assessori l’istituzione di un Sistema Turistico Locale (STL) dei Campi Flegrei.

IL DOCUMENTO – Spettabili Sindaci e Assessori dei Campi Flegrei, dopo oltre due anni di audizioni e sedute consiliari il testo unico del turismo della Regione Campania è finalmente giunto in fase di approvazione. Una legge che come sapete lancerà i Sistemi Turistici Locali (STL) quali innovativi strumenti di governance che vedono enti pubblici, associazioni e operatori del settore lavorare congiuntamente, secondo precise strategie di marketing territoriale e sulla base di una preventiva opera di concertazione e programmazione, per la promozione, lo sviluppo e la sostenibilità nel lungo periodo del turismo locale. Un modello gestionale del territorio e dei suoi beni culturali capace quindi di integrare la volontà di partecipazione delle imprese e delle associazioni alle attuali scarse possibilità di azione degli enti pubblici, e che l’Associazione ACF – Albergatori dei Campi Flegrei sostiene e promuove per uscire dalla drammatica situazione in cui da anni versa il nostro settore. Riteniamo infatti che l’istituzione di un STL sia la giusta strada da perseguire per favorire l’incontro di enti locali, imprese e consorzi di soggetti pubblici e privati in un’unica offerta turistica integrata capace di valorizzare il patrimonio archeologico e naturalistico dell’area flegrea quale unicum territoriale e culturale e, soprattutto, di garantirne la fruibilità non solo per i turisti ma per la stessa cittadinanza.

LA RICHIESTA – Nonostante il testo unico non sia stato ancora approvato, l’Assessorato al Turismo della Regione ha già avviato, seppur in forma sperimentale, alcuni STL in diverse aree della Campania, come quelli della costa di Amalfi, dell’Irpinia e, ancor prima, della vicina isola d’Ischia che, secondo una bozza della legge, costituisce insieme a Procida e ai nostri Campi Flegrei una delle otto aree d’interesse in cui istituire un Sistema Turistico Locale. Preso atto della drammatica crisi in cui versa il nostro settore e della necessità sempre più urgente di “fare rete” tra i diversi soggetti interessati, così come auspicato dalle stesse amministrazioni locali, nonché al fine di farci trovare già pronti all’approvazione del testo unico, la nostra Associazione chiede che i Comuni di Pozzuoli, Bacoli e Monte di Procida si facciano subito promotori presso l’Assessorato al Turismo della Regione Campania dell’istituzione di un STL sperimentale dei Campi Flegrei, riconoscendosi finalmente quali protagonisti di un distretto culturale unico e promuovendone il brand sulla base di un’offerta turistica integrata che sappia valorizzarne le immense potenzialità in Italia e all’estero. L’Associazione ACF – Albergatori dei Campi Flegrei auspica altresì che i Sindaci e gli Assessori, ai quali rinnoviamo il nostro più aperto e sincero sostegno, rispondano quanto prima al nostro invito affinché i lavori per l’istituzione di un Sistema Turistico Locale possano iniziare e soprattutto trovare adeguata conclusione prima della prossima stagione estiva che, a causa dei ben noti problemi che gravano sull’area flegrea e sul suo patrimonio archeologico, si preannuncia ancor più difficile degli altri anni.