Carmine Signore la sua partita è durata solo 4'

ISCHIA – Trasferta amarissima per la Puteolana 1902 in quel di Ischia. Un 4 – 0 che non ammette repliche e che racconta di una partita rimasta in equilibrio solo per 40′.
90′ IN DIECI – Pronti via  e la Puteolana fa subito harakiri, è uno dei suoi uomini di più rappresentativi a perdere la testa, Signore a palla ferma alza il gomito e colpisce un avanti avversario meritandosi così dopo solo 4′ gli spogliatoi. Sorrentino sceglie di non cambiare nulla, arretrando Scognamiglio sulla linea dei difensori. I granata reggono bene l’urto della compagine isolana per 40 minuti, proprio al 40′ rischiano di passare con un piazzato di Siciliano sventato in angolo da Mennella, sul susseguente calcio d’angolo è Volpe a calciare al volo con la palla che si spegne a lato.
40′ MINUTO FATALE – Passa un minuto e l’Ischia inaspettatamente passa, con Masini che beffa Ciccarelli fattosi trovare fuori posizione. 4′ e l’Ischia raddoppia: è Longo a siglare il 2 – 0 su azione da calcio d’angolo. Si va negli spogliatoi con i granata sotto di due reti, decisamente troppo per un primo tempo retto bene nonostante l’inferiorità numerica. La ripresa è solo un calvario per gli uomini di Sorrentino, che aspettano solo il fischio finale della terna arbitrale per porre fine all’agonia. C’è comunque spazio per altre due reti dei padroni di casa che ancora con Masini e Longo fissano il 4 – 0 finale.
UN MATCH “PARTICOLARE” – Il match di Ischia va preso comunque con le molle, contro una corazzata come l’Ischia non è possibile regalare un uomo per tutti i 90′, ma la batosta rimediata potrebbe avere ripercussioni anche psicologiche sulla squadra granata. Sette gol subiti e tre espulsi in due trasferte sono un campanello d’allarme preoccupante per granata, che ad Ischia come a Monopoli hanno retto solo un tempo difronte ad avversarie comunque di valore. Domenica al Conte arriva il Pomigliano, che dopo due vittorie nelle prime due gare è stato travolto in casa 4 – 0 dal Matera. Contro i vesuviani Sorrentino dovrà certamente fare a meno di Signore (per lui almeno due giornate di squalifica), possibile al suo posto l’inserimento di Imbriaco al fianco di Luongo. Ma Sorrentino avrà una lunghissima settimana a disposizione per decidere il da farsi e soprattutto pe rcercare di tenere alto il morale dei suoi.

ANGELO GRECO