Il giovane tecnico puteolano cerca le giuste soluzioni al rompicapo granata

POZZUOLI – Niente partitella e nessuna sgambata al Conte, questa settimana per la Puteolana 1902. Lo staff tecnico ha infatti deciso che in vista della delicatissima trasferta di Battipaglia, la squadra resterà al Kennedy, dove potrà allenarsi sul sintetico, stesso terreno di gioco che troverà nella trasferta in terra salernitana. A Battipaglia, così come su tutti i campi della serie D, il calcio d’inizio è anticipato alle 14:30, per il ritorno dell’ora solare.

TORNA VOLPE – Sorrentino ritroverà il capitano Roberto Volpe ma dovrà fare a meno ancora di Errico, che sconta la terza delle tre giornate di squalifica, rimediate nel penultimo incontro casalingo con il Francavilla. Sorrentino dovrà trovare le giuste soluzioni tecniche per una squadra parsa smarrita più sul piano del gioco che in quello mentale. Anche contro il Trani infatti, nonostante la sconfitta con la forza di volontà si è cercato di raddrizzare la partita ed in maniera confusionaria, più sugli spunti dei singoli che dal gioco, alcune occasioni sono arrivate.

LA QUALITA’ IN MEZZO – Quello che manca è un uomo di qualità in mezzo al campo, Volpe e Scognamiglio sono due giocatori molto simili volti più alla distruzione del gioco avversario che alla costruzione. La qualità c’è solo sulle fasce con Napolitano, Siciliano e Perillo che possono dare una marcia in più. Fatto sta che l’uomo più pericoloso resta Letizia che tutto è tranne che uomo d’ area di rigore. Il gioco che si sviluppa sulle fasce limita molto il bomber di Secondigliano che troppo spesso riceve palla da fermo e non riesce a scatenare il proprio potenziale. Un uomo di qualità in mezzo potrebbe accorciare gli spazi e garantire gli inserimenti sulla corsa di Letizia, aumentando così la pericolosità offensiva della squadra.

TROPPI GOL SUBITI – I 17 gol subiti, 13 fuori casa, fanno dei granata la seconda peggior difesa del campionato, seconda solo al derelitto Grottaglie. Il problema non è tanto la qualità difensiva, ma tutta la fase di non possesso che mette sotto pressione la retroguardia. Pesa sicuramente la scarsa presenza di Signore che delle 7 partite di campionato ne ha saltate 4, ed a Ischia è stato espulso dopo pochi minuti. Non si può sottovalutare che l’unico match giocato nel suo ruolo (con il Trani ha giocato terzino) è conciso con l’unica gara che i granata hanno terminato senza subire reti. Probabile che Sorrentino, non rinunci più a Signore magari affiancandogli Luongo, che ha destato miglior impressione rispetto ad un più che balbettante Imbriaco.

LE SOLUZIONI PER BATTIPAGLIA – Difficile ipotizzare le scelte difensive per Battipaglia, possibile che Sabia, De Mase e Simioli che si giocano i due posti sulle fasce, scelte che garantirebbero una soluzione centrale più solida, con Signore affiancato da Luongo. In attesa che possa arrivare un’alternativa a centrocampo di qualità, la zona nevralgica del campo sarà affidata ancora a Volpe e Scognamiglio, con Napolitano certo di una maglia sull’altra fascia i dubbi sono diversi, Siciliano, nel caso giocasse un ’94 dietro, potrebbe essere una scelta di rottura che aumenterebbe la pericolosità offensiva. In caso si opti per il ’94 sulla linea mediana Cimmino, Amato e Perillo si giocheranno una maglia. In avanti Letizia è una certezza, con Riccio che pare ancora in vantaggio su Murolo. Occorrono i primi punti fuori casa per andare poi all’assalto del Foggia al Conte.

ANGELO GRECO