OTTAVIANO – Dante Alighieri, nella Divina Commedia, per raggiungere il paradiso ha dovuto affrontare inferno e purgatorio. Discorso simile per il Real che per arrivare al suo paradiso, ovvero la vittoria, è costretto a lottare nell’inferno (sportivo si intende) del Jimmy’Z. Ambiente rovente in quel di Ottaviano con il gremito pubblico di casa pronto a sospingere i propri ragazzi ad un trionfo che sarebbe importantissimo in chiave play-off. I puteolani scendono in campo rispettando gli avversari ma senza timore reverenziale.

LA GARA – Che ci sia rispetto in campo tra due buonissime squadre si capisce sin dalle prime battute, con le compagini che si preoccupano principalmente di non concedere troppo agli attacchi avversari. Di occasioni importanti nel primo tempo se ne contane poche: una di queste quella che capita sui piedi di Cacace imbeccato perfettamente da Ursomanno, ma il 10 sciupa calciando fuori. L’Athletic Ottaviano si affida soprattutto alle giocate del buonissimo Aprile che impegna la retroguardia avversaria. Al 14′ Aprile fa tremare i puteolani, ma la palla viene deviata alla fine in corner. Al 20′ Ursomanno impegna il portiere avversario che è bravo ed attento. Lo 0 a 0 all’intervallo è il risultato più giusto.

TUTTO NELLA RIPRESA – Comincia la ripresa e la gara si mette in salita per il Real: doppio giallo per Daniele ed inferiorità numerica temporanea. La squadra del presidente Pastore, però, nelle difficoltà si esalta. I leoni alzano la muraglia dinanzi la porta di Del Giudice ed i padroni di casa non sfruttano l’occasione. Ciò rinvigorisce gli ospiti che al 9′ con una bella conclusione di Atrio passano in vantaggio. Ancora più bella l’esultanza del capitano che bacia la maglia, ormai diventata una seconda pelle. L’Athletic Ottaviano tenta la timida reazione ma è ancora il Real a trovare il gol al minuto 18: Ursomanno se ne va in velocità e conclude la sua falcata verso la porta avversaria con un destro dalla precisione chirurgica. Ancora un gol del numero 13, ancora un inchino con dedica speciale al pubblico femminile che segue sempre il Real. L’Athletic è però squadra forte e non si arrende. I rossoblù si giocano la carta del portiere di movimento, ma la difesa del Real è attenta. Al minuto 25 Aprile dal dischetto riapre i giochi. Poco dopo c’è il rosso per l’estremo difensore di casa che salva con le mani fuori dall’area di rigore il pallone diretto verso la rete per il 3 a 1. E’ il sesto fallo, tiro libero per il Real, ma Atrio si lascia ipnotizzare dal neo entrato Casillo. Nei minuti finali, saranno ben 6 quelli di recupero, i padroni di casa provano il forcing, ma il muro gialloblù resiste. Giunge dunque il triplice fischio. Escono dal campo di gioco due ottime squadre che hanno dato tutto. A trionfare è l’orgoglio, il cuore, la determinazione dei ragazzi gialloblù, capaci di superare l’inferno e raggiungere il paradiso. Può sorridere mister Orlando con due vittorie su due e sole due reti subite in 120 e più minuti. La salvezza ora è in tasca ed il sogno play-off dista solo 3 punti. Vietato non crederci. Doveroso, infine, sottolineare il comportamento sportivo del presidente della squadra di casa Massimiliano Malandrino.

ATHLETIC FUTSAL OTTAVIANO 1-2 REAL POZZUOLI

Athletic Futsal Ottaviano: Casillo, E. Ambrosio, A. Ambrosio, Carillo, G. Aprile, Iervolino, Cutolo, Mancini, De Angelis, Picariello, V. Aprile, Rapicano.

Real Pozzuoli: Ciotola, R. Daniele, Del Giudice, Atrio, Prencipe, Di Costanzo, Ferrante, E. Daniele, Testa, Ursomanno, Cacace. All: L. Orlando

Ammoniti: Picariello, Mancini, Iervolino (AO) – E. Daniele, Ferrante, Ursomanno (RP)

Espulsi: G. Aprile (AO) – E. Daniele (RP)

Marcatori: 9′ s.t. Atrio (RP), 18′ s.t. Ursomanno (RP), 25′ s.t. (r) V. Aprile (AO).