Un momento delle spettacolo a Baia

BAIA – Ha dato il via alla seconda edizione della rassegna 3 siti in cerca d’autore, lo spettacolo “Solo: voce e chitarra” dell’artista Luca Pugliese.  La manifestazione è stata organizzata dall’assessorato ai Beni Culturali del comune di Bacoli, con lo scopo di promuovere la cultura flegrea nel territorio stesso, ponendo un occhio di riguardo alla rivalutazione e alla promozione dei siti che faranno da cornice alle tre serate. Gli spettacoli scelti, infatti, traggono ispirazione sia dalla proficua letteratura nata  nei Campi Flegrei da Orazio a Virgilio da Goethe a Shelly, sia dalla tradizione secolare e popolare che affonda le radici nella storia di tutta la Campania.

 

IL MITO DI ULISSE L’artista irpino ha aperto la serata con forte omaggio a Baia e all’indissolubile legame che quest’ultima ha con la mitologica figura di Ulisse, ha infatti citato un passo dell’odissea che è stato fonte d’ispirazione per uno dei suoi brani più significativi “La zattera di Ulisse”.  Il testo,  già vincitore del prestigioso Premio Recanati,  ci culla in una dimensione che ha perso il proprio significato spazio-temporale e dove il pubblico è testimone silente delle sofferenze e delle gioie dell’uomo nel suo interminabile viaggio. Fanno da accompagnamento le delicate e mai troppo ingombranti note della sua chitarra, ricordando così un cantastorie errante che vaga nel tempo e nella storia alla ricerca del contatto umano. Contatto che, durante il corso di tutta la serata, Luca Pugliese è riuscito a mantenere sapientemente, ricreando un’ atmosfera intima e familiare,  coinvolgendo il pubblico grazie alla sua musica e al suo savoir-faire. Sul finire dello spettacolo il giovane cantautore ha proposto alcuni dei brani più belli della tradizione canora partenopea e irpina, creando un ulteriore collegamento tra due popoli figli della stessa terra.

 

ARTISTA DI FAMA INTERNAZIONALE – Luca Pugliese è un giovane artista irpino di fama internazionale che è riuscito, nel corso degli anni, a unire la sua arte, pittorica e scultorea alla musica e alla composizione, diventando così il  punto di riferimento dell’arte e della cultura Avellinese e non solo . Infatti, i brani eseguiti da Pugliese,  nel corso della serata, sono tratti dal suo ultimo album “Fluido Ligneo- Déjà vu”  che raccoglie testi e musiche composti dall’autore e dove gli strumenti della tradizione mediterranea sono contaminati dalle innovazioni contemporanee e da strumenti tradizionali che rimandano a territori esotici.

 

Luca Pugliese sul palco di Baia

FUORI PROGRAMMA La kermesse continua con gli spettacoli e le proposte che sono state scelte per quest’anno  e con il progetto di Michele Schiano di Cola, che alla scorsa edizione fu rimandato per problemi tecnici relativi al sito. Infatti, il  23 Agosto alle ore 21.00,  la casina Vanvitelliana sarà la cornice dello spettacolo “Phlegyròs : racconti di-versi ardenti”scritto e diretto dall’artista flegreo e con la partecipazione di Alessandro D’Alessandro. “Phlegyròs : racconti di-versi ardenti è una performance per attore-narratore e musicista polistrumentista. La drammaturgia è tratta da scritti e versi in lingue flegree tratti da testi teatrali, racconti e poesie di Michele Sovente, Mimmo Borrelli, Salemme, Dante etc.”  L’attore  creerà un momento sospeso nel tempo rivivendo la storia e miti degli antichi fasti imperiali, riscoprendo il retroterra culturale che ci accomuna e che ci lega a questa terra,  attraverso il linguaggio vernacolare e tutte le forme di comunicazione che rispecchiano il nostro essere e le nostre origini. Michele Schiano è attore, regista e drammaturgo che vanta collaborazioni con figure di rilevo nel mondo del teatro nazionale e internazionale.

GAIA GUARDASCIONE