Villa Ferretti

BACOLI –  Il Comune di Bacoli in prima linea contro la camorra e al fianco delle vittime di racket e usura. Una mano tesa, l’incontro con “L’Amico giusto” è quello che l’amministrazione intende offrire insieme alle forze della società civile, ad imprenditori, commercianti e cittadini per combattere tutti insieme il “sistema camorra” attraverso l’istituzione dello “Sportello Antiracket e Antiusura” che nascerà a Villa Ferretti, bene confiscato alla camorra. Un nuovo presidio di legalità che sarà presentato lunedì 21 gennaio alle ore 10 presso la Casina Vanvitelliana dove  il Sindaco di Bacoli Ermanno Schiano firmerà il protocollo di intesa insieme al coordinatore nazionale di “Sos Impresa” Luigi Cuomo.  Al convegno parteciperanno anche il presidente nazionale della “Rete per la Legalità” Lorenzo Diana, Franco Malvano, commissario regionale antiracket e antiusura, parroci, dirigenti scolastici, commercianti e rappresentanti delle Forze dell’Ordine.

Il sindaco di Bacoli Ermanno Schiano

UNA “RETE PARTECIPATA” – «L’obiettivo di questa iniziativa è costruire  una rete  partecipata  tra  istituzioni locali e centrali, magistratura, forze dell’ordine, mondo produttivo, sistema creditizio, scuole, famiglie ed associazioni – afferma il Sindaco di Bacoli Ermanno Schiano –  Una rete  capace di dar forza alla promessa sulla quale si fonda l’istituzione dello Sportello “Antiracket ed Antiusura”, creando uno spazio fisico e mentale di vicinanza istituzionale  che aiuti i cittadini “vittime” a liberarsi ed uscire da una situazione – solo apparentemente senza vie di uscita – superando l’isolamento e la solitudine. Ciò perché è nostra convinzione che, senza isolamento e solitudine il racket perde gran parte della sua capacità di mantenere soggiogate le proprie vittime».

SINERGIA CONTRO LA CAMORRA – Questa è l’idea guida anche  del Progetto  ” L’Amico giusto – Insieme, liberi dal racket e dall’usura”, che di concerto con la Fondazione Paulus  e l’Associazione  S.O.S. Impresa- una rete per la legalità , il Comune di Bacoli presenterà alla Regione Campania ai sensi della L. R.  11 del 9 dicembre 2004, per la realizzazione di servizi di prevenzione di usura ed estorsione. L’impianto delle attività in programma è stato elaborato in stretto contatto con le Associazioni  che da tempo operano e “contrastano” i due fenomeni. Una collaborazione fondamentale per mettere in luce la netta differenza che esiste tra i due fenomeni e quindi la necessità di prevedere azioni dalle differenti specificità per le diverse tipologie. Da qui la scelta del progetto di intervenire anche con un’opera di sensibilizzazione delle potenziali vittime dell’usura mentre, per quanto riguarda le vittime dell’estorsione, esso punta a creare un clima di solidarietà che renda più agevole il contrasto.