La telecamera era collegata ad un televisore

VOMERO –  Nel corso di un’’attività di Polizia Giudiziaria, gli agenti del Commissariato di Polizia “Vomero” hanno sequestrato un impianto di videosorveglianza presso l’’abitazione di un pregiudicato in via Poggio dei Mari. Il sequestro è avvenuto durante una perquisizione effettuata nell’’appartamento dell’’uomo. I poliziotti, alla ricerca di armi, hanno notato che il televisore in cucina era collegato via cavo con una telecamera collocata all’’esterno dell’’abitazione che consentiva di monitorare la via Poggio dei Mari, dall’’inizio fino all’’ingresso dello stabile.

OCCHIO ELETTRONICO MASCHERATO – La telecamera era installata sul fabbricato, celata all’’interno di una cassetta, a forma quadrata, usata notoriamente per i collegamenti elettrici, di colore grigia, tecnicamente chiamata “scatola di derivazione”. L’’uomo, noto alla Polizia per il suo curriculum delinquenziale, è ritenuto “frequentatore” del clan “Cimmino”, operante nei quartieri Vomero e Arenella. Verosimilmente, tale apparecchiatura consentiva al pregiudicato di evitare sorprese da parte delle forze dell’’ordine o da eventuali elementi avversi al suddetto clan.