VARCATURO – Tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di un imprenditore. Con questa accusa un 50enne di Varcaturo è stato trasferito in cella. I carabinieri della Compagnia di Giugliano hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale del Riesame di Napoli, accogliendo il ricorso della Dda contro la misura degli arresti domiciliari disposti dal gip partenopeo per Biagio Vallefuoco, detto ‘o Biasone. L’uomo è ritenuto vicino al clan Mallardo, operante a Giugliano e nei comuni limitrofi. Vallefuoco è stato trasferito nella casa circondariale di Poggioreale.