Luciano in una foto nella salumeria a Licola

POZZUOLI – Sono una decina i residenti  di Licola Mare coinvolti nel tragico incidente di Avellino della scorsa notte. Incredulità, rabbia e dolore tra le vie del quartiere diviso tra Pozzuoli e Giugliano. L’organizzatore del viaggio era quel Luciano Caiazzo che da anni lavorava in una salumeria di del quartiere, oggi tristemente chiusa per lutto.

 

IL DOLORE – Luciano da subito ha lasciato un dolore immenso  fuori  un bar di via del Mare tutti parlano di quello che per  tanti pure non essendo residente del quartiere era un punto di riferimento. Antonella quasi con le lacrime agli occhi ci racconta «La notizia ci è arrivata ieri mentre eravamo in una festa in spiaggia tra di noi è calato il gelo!» Ivan aggiunge «Luciano per noi era una sorta di padre, ci ha cresciuti tutti era l’anima anche delle feste che facevamo qui nel quartiere, lavorava qui da anni era uno di noi». Gennaro quasi cerca una consolazione «Se avesse organizzato la solita gita di un giorno oggi eravamo a piangere mezza Licola, alle sue gite nessuno voleva mancare». Luciano è certamente la storia nella storia, un ragazzo semplice che ha fatto subito breccia nel cuori di tutti, di chi non si perdeva una sua gita e chi invece lo conosceva come il riferimento per  Licola e non solo. Intanto il quartiere fa la conta si chi era quel maledetto  bus.

 

ANGELO GRECO