Le indagini sono condotte dai carabinieri di Pozzuoli

POZZUOLI –  Sarà effettuata nelle prossime ore l’autopsia sul corpo di Domenico Conte, il 64enne di Pozzuoli morto schiacciato da un albero caduto sulla sua auto in via Miliscola ad Arco Felice. Intanto la salma resta sequestrata nell’obitorio del Secondo Policlinico di Napoli dove il medico legale nominato dalla procura effettuerà gli esami autoptici.

OMICIDIO COLPOSO  –  Ma l’attenzione in queste ore è riposta sulla radice del pino secolare che ha ucciso Conte,  messa sotto sequestro dal Pm Francesca Falconi. Ciò che resta dell’albero viene infatti piantonato notte e giorno dagli agenti del corpo di Polizia Municipale. Potrebbe essere quella la chiave di lettura per capire eventuali responsabilità, che qualora esistessero, paventerebbero il reato di omicidio colposo. Fatalità o mancata manutenzione? Tutto sembra essere in divenire e una svolta alle indagini potrebbe arrivare dalla relazione tecnica effettuata dal tecnico nominato dal magistrato che, una volta visionata la pianta, dovrà spiegare il perché del cedimento.

LE RADICI   del pino, alto circa 10 metri, domenica mattina hanno ceduto trascinando la pavimentazione del marciapiedi e il terreno sottostante. In quel momento fermo a leggere il giornale sul ciglio della strada nella sua Hyunday c’era Domenico Conte, che qualche minuto prima aveva salutato la moglie. Sotto il peso dell’enorme arbusto l’utilitaria si accartocciava e per il povero 64enne non c’era nulla da fare. Inutili i soccorsi giunti sul posto: per estrarre il corpo senza vita di Conte bisognava attendere l’arrivo di una gru che dopo aver sollevato l’albero consentiva ai vigili del fuoco di  tagliare le lamiere.

GENNARO DEL GIUDICE
[email protected]