POZZUOLI – Alle ore 8:30 una telefonata al 118 ha dato inizio all’esercitazione “Efésto 2017”, promossa ed organizzata dal Comune di Pozzuoli e dall’Accademia Aeronautica con la collaborazione del personale del 9° Stormo di Grazzanise, del Servizio 118, del Corpo Militare Volontario della Croce Rossa Italiana e della Protezione Civile della Regione Campania, con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri. L’esercitazione, giunta alla terza edizione, ha consentito di addestrare il personale della Forza Armata a pianificare e gestire le attività di supporto alla popolazione civile in caso di emergenza e calamità naturali, di aggiornare i piani di emergenza e verificare le modalità di coordinamento con gli altri Enti del territorio coinvolti.

IL TERREMOTO – Nello specifico è stato simulato un terremoto localizzato in mare poco a largo della costa del Golfo di Pozzuoli ad una profondità di circa 8 Km. Il sisma ha provocato sia crolli di abitazioni civili sia l’inagibilità dell’ospedale di Pozzuoli ed inoltre ha scatenato un maremoto che, sebbene con onde alte non più di tre metri, rendendo necessaria l’evacuazione degli abitanti delle aree più a rischio. Da qui la richiesta “evacuazione medica” (MEDEVAC) dei feriti in ordine di priorità, presso strutture mediche ricettive fuori Regione anche tramite il supporto fornito dall’Accademia Aeronautica, con la simulazione di allestimento di specifiche strutture di supporto.

I SOCCORSI – I luoghi dell’evento sono stati localizzati presso la Piazza del Ricordo a Pozzuoli e nel percorso da e per l’Accademia Aeronautica; la simulazione ha previsto trasporti con autoambulanza, pulmini e voli con elicotteri del 9° Stormo dell’Aeronautica Militare e del Servizio 118 dal sedime dell’Accademia; sono stati coinvolti, oltre al personale degli Enti citati, anche gli studenti delle scuole superiori della città di Pozzuoli e Napoli, cittadini ed allievi dell’Accademia per diffondere una cultura positiva e di coinvolgimento nei confronti degli aspetti di Protezione Civile. Durante l’esercitazione, soccorritori del Corpo Militare Volontario della Croce Rossa Italiana hanno effettuato, a vantaggio degli studenti, dimostrazioni pratiche di soccorso al trauma in ambiente extraospedaliero, utilizzando mezzi e materiali di ultima generazione.

I PARTECIPANTI – Nel corso della mattinata, si è tenuto anche un ciclo di conferenze presso la sala Teatro dell’Accademia tese ad illustrare i Piani Regionali e Comunali di Protezione civile e le ultime innovazioni proposte, oltre ad un seminario di Vulcanologia a cura del Dottor Giuseppe De Natale esperto dell’Osservatorio Vesuviano – Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (OV-INGV) di Napoli. A tale esercitazione ha partecipato, accompagnato dalla sua troupe, il regista Isacc Kerlow, geologo e direttore dell’Art and Media del Dipartimento dell’Earth Observatory of Singapore (Nanyang Technological University of Singapore) che sta realizzando un documentario dal titolo “Living With Disaster”, che si interessa della vita degli abitanti nelle zone a rischio di eruzioni vulcaniche, e terremoti correlati ad alluvioni. Tale documentario, che sarà completato tra la fine del 2017 e la metà del 2018, è rivolto principalmente ad istituti educativi e circolerà all’interno dell’America Geophysical Union (AGU) e l’European Geophysical Union (EGU) . Al termine delle riprese sarà presentato all’Istituto di Vulcanologia dell’Università Federico II di Napoli.

L’ESERCITAZIONE – Con questa esercitazione l’Accademia Aeronautica continua e rinnova ulteriormente il rapporto con i cittadini e le Istituzioni del territorio campano che la ospita dal lontano 1926, nelle sedi di Caserta, Nisida e Pozzuoli (dal 1962). Una vicinanza che si è manifestata anche nei momenti più difficili, come testimoniato dalla medaglia di bronzo al valor civile conferita alla bandiera d’Istituto, in occasione del sisma del 23 novembre del 1980, per lo straordinario impegno di tutto il personale che, “nonostante le difficoltà ambientali, si prodigava, sin dal momento della costituzione dei primi centri operativi, con spirito di abnegazione e grande professionalità, intervenendo con uomini e mezzi alle operazioni di soccorso e garantendo il necessario supporto logistico ai servizi essenziali”. Anche questa esercitazione di Protezione Civile si inserisce nel quadro di quelle promosse dal Comando Scuole dell’Aeronautica Militare\3^ Regione Aerea di Bari, su tutto il territorio nazionale, proprio sulla scorta della prima edizione della “Efésto” presso l’Accademia Aeronautica, per creare sinergia interforze ed interagenzia di competenze, capacità e mezzi al fine di produrre nuovo valore per il bene della collettività.

L’ACCADEMIA – I prossimi eventi esercitativi programmati in ambito Comando Scuole dell’Aeronautica Militare saranno a: Loreto, Taranto, Latina, Frosinone, Pratica di Mare, Caserta e Montescuro. L’Accademia Aeronautica dipende dal Comando delle Scuole dell’Aeronautica Militare/3^ Regione Aerea. È un istituto militare di studi superiori a carattere universitario che ha il compito di provvedere al reclutamento ed alla formazione dei giovani che aspirano a diventare ufficiali dell’Aeronautica Militare in servizio permanente effettivo. Frequentando i corsi regolari dell’Accademia si può diventare sottotenenti dell’Arma Aeronautica, nel ruolo Naviganti normale (piloti) e nel Ruolo Normale delle Armi, del Corpo del Genio Aeronautico, del Corpo di Commissariato Aeronautico e del Corpo Sanitario Aeronautico.