Il 26enne è stato arrestato dalla Polizia dopo il tentativo di dar fuoco al negozio dei genitori

NAPOLI – Ha chiesto soldi al padre minacciandolo di dare fuoco all’attività commerciale gestita dalla famiglia. Gli agenti del commissariato di Polizia Vicaria Mercato hanno arrestato S.S. 26anni napoletano, con precedenti di polizia e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, per il reato di tentata estorsione ed evasione dagli arresti domiciliari. I poliziotti impegnati nel controllo del territorio sono intervenuti, su segnalazione del 113 in Via Benedetto Cairoli, presso un esercizio commerciale, dove vi era un giovane che tentando un estorsione.

 

LA MINACCIA – Gli agenti giunti sul posto hanno accertato che il figlio del titolare si era recato poco prima presso il negozio di famiglia e cospargendo il pavimento di benzina minacciava di dar fuoco a tutto se il padre non gli avesse dato dei soldi; alla reazione del genitore che prontamente allertava il 113 scappa in casa. I poliziotti hanno sottoposto a sequestro la bottiglia che il giovane aveva utilizzato per gettar benzina sul pavimento e lo bloccavano all’interno della sua abitazione in via Sant’Eframo Vecchio, dove aveva fatto subito ritorno dopo la tentata estorsione. L’uomo è stato arrestato e condotto al carcere di Poggioreale.