GIUGLIANO – Un’azione di controllo sinergica, quella che si è svolta nella mattinata di ieri e che ha visto impegnata la Polizia di Stato e la Polizia Municipale di Giugliano in Campania. Gli agenti del Commissariato di Polizia di “Giugliano-Villaricca”, collaborati da pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine Campania, unitamente a personale della Polizia Municipale, hanno effettuato posti di blocco e mirati controlli ai gestori di esercizi commerciali sulla SS Appia e Via Domitiana, in Giugliano in Campania, nonché al Corso Europa in Melito di Napoli.

I CONTROLLI – Sono stati effettuati 4 posti di controllo, nel corso dei quali sono stati fermati 19 veicoli; ben 32 le persone identificate, di cui 15 sono risultate pregiudicate. Elevati 4 verbali ai sensi del Codice della Strada, mentre 2 veicoli sono stati sottoposti a sequestro amministrativo. I poliziotti hanno effettuato 3 perquisizioni, alla ricerca di armi. Un esercizio pubblico è stato controllato e, al titolare, sono stati elevati due verbali amministrativi oltre al sequestro dei locali. La Polizia Municipale, infatti, per quanto di competenza, ha accertato che, sul suolo di proprietà della Regione Campania, dove abusivamente era stato realizzato un immobile, già sequestrato in passato e riaffidato al Comune di Giugliano, era stata allestita un’attività commerciale priva di qualsiasi tipo di autorizzazione.

LE SANZIONI – Nello specifico, si è accertato che era sorta un’attività di meccanico di autoveicoli, violando le più basilari norme del commercio e dell’ambiente. Elevati verbali amministrativi: di cui uno per l’importo di 5.000 euro, per l’esercizio abusivo dell’attività e l’altro per l’importo di 6.000 euro, per la mancanza dei registri di carico e scarico relativi allo smaltimento dei rifiuti, derivanti dall’attività. Si è proceduto, inoltre, al sequestro penale per deposito e stoccaggio di rifiuti pericolosi. L.L., di 60 anni, titolare dell’attività abusiva, è stato denunciato, in stato di libertà, per reati ambientali, in quanto sversava gli scarichi industriali nella pubblica fogna, senza alcuna autorizzazione.

IL SEQUESTRO – L’uomo, inoltre, era collaborato nell’illecita attività da dei lavoratori extracomunitari, uno dei quali, così come accertato dagli agenti del Commissariato di P.S. Giugliano Villaricca, era già destinatario di un provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale. All’esterno dell’area adibita ad attività commerciale, è stato sequestrato un autoveicolo, risultato già sottoposto a fermo amministrativo perché privo di assicurazione, per cui è stato necessario fare intervenire il carro attrezzi.