POZZUOLI – «Pomicino, alla fine, è riuscito a portare il pedaggio della tangenziale a 1 euro, ma ora si faccia da parte e, visto che vuole essere protagonista alle prossime elezioni politiche, lasci la poltrona di presidente della Tangenziale Spa». A chiederlo i Verdi, con il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli e i consiglieri comunali Stefano Buono e Marco Gaudini «Bisogna continuare a portare avanti la battaglia per liberare i napoletani e quanti usano la tangenziale da quell’odioso balzello visto che solo a Napoli si deve pagare per poter percorrere una superstrada interna a una metropoli. Liberare la tangenziale di Napoli deve essere una priorità del prossimo Governo che, in tal modo, seguirebbe anche un indirizzo del Parlamento europeo che, nei fatti, ha giudicato illegittimo quel pedaggio -ha aggiunto Borrelli- qualche settimana fa, quando s’è rischiato il caos per la chiusura della Galleria laziale, Pomicino ha negato l’apertura gratuita di alcuni ingressi della Tangenziale, nonostante il parere positivo del ministro Delrio a cui avevo sottoposto, personalmente, la richiesta».