QUARTO – Le t-shirt sequestrate lo scorso 20 luglio in un opificio a Quarto non sono state taroccate. Lo scrive il Pubblico Ministero nel decreto di revoca del sequestro, disposto dalla Procura della Repubblica di Napoli, nei confronti del titolare della stamperia di via Trefole. Nella fattispecie è stata disposta la restituzione di “127 magliette tipo polo e di 5 magliette girocollo con logo e targhetta SSC Napoli”, oltre alla “revoca temporanea del sequestro dell’opificio per 5 giorni, al solo fine di eseguire i lavori di messa in sicurezza, con nuova sottoposizione a sequestro alla scadenza”. Le 127 t-shirt, stando alla documentazione presentata dal legale difensore del titolare, l’avvocato Alfredo Capuano, sono “legittimamente acquistate e provengono da società legittimata all’utilizzo del marchio”.

IL SEQUESTRO – Il sequestro era avvenuto il 20 luglio durante un controllo della Guardia di Finanza del Gruppo Pozzuoli che aveva denunciato un 44enne per ricettazione e violazione alle norme in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. Contestualmente i finanzieri avevano sequestrato centinaia di maglie, gadget e macchinari.