Un sottopasso del Centro Direzionale di Napoli

POZZUOLI – Tentata rapina o avvertimento? E’ giallo sul ferimento Mariano Tassia, un commercialista di 43 anni di Pozzuoli colpito ieri sera da un proiettile esploso da una pistola. L’uomo ha raccontato ai Carabinieri di Bagnoli di essere stato sparato da due giovani, con i volti coperti da caschi integrali, mentre percorreva, a bordo della sua vettura, una Smart, uno dei sottopassi del Centro direzionale di Napoli. Versione questa tutt’ora al vaglio degli inquirenti che sul posto indicato dalla vittima non avrebbero trovato tracce di proiettili. Sull’auto del 43 enne invece era presente un foro sulla portiera.

 

CURATORE FALLIMENTARE – L’uomo, incensurato, nato a Napoli ma residente della città flegrea di Pozzuoli, si è presentato presso l’ospedale “San Paolo” di Napoli dove è stato medicato e dimesso con una prognosi di 5 giorni per una contusione con escoriazione alla coscia destra. Mariano Tassia è curatore fallimentare e in passato è stato consulente privato di una delle famiglie di armatori coinvolte nel crac-Deiulemar, gli Iuliano.