Il 17enne, ritenuto l'autore di 7 colpi, è stato arrestato a Sapri dai Carabinieri

POZZUOLI – A soli 17 anni era diventato un “professionista” di scippi e rapine, ribattezzato dalle sue vittime come “il rapinatore”. Tra aprile e maggio avrebbe messo a segno ben sette colpi, tutti a distanza di una settimana l’uno dall’altro. Bersagli preferiti erano gli anziani, obiettivi borsette, portafogli e oggetti d’oro. Agiva a bordo di una Fiat Punto, che usava per le scorribande tra i comuni flegrei, lungo strade particolarmente trafficate. Poi ad un certo punto ha lasciato i Campi Flegrei, trasferendosi nella casa dei nonni paterni a Sapri, dove i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Pozzuoli, con il supporto nella fase esecutiva dei colleghi salernitani, lo hanno scovato e tratto in arresto in quanto destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 13 giugno scorso dal Gip presso il Tribunale per i minorenni di Napoli.

CACCIA AI COMPLICI – I militari dell’arma l’hanno individuato grazie a resoconti delle attività di controllo del territorio: più volte era stato visto aggirarsi nella zona con fare sospetto. La sua foto era stata inserita in album fotografici sottoposti in visione alle vittime dei citati fatti reato, che l’hanno identificato come “il rapinatore”. Intanto continuano le indagini per identificare i suoi complici (nel frattempo è stata trovata e sequestrata l’auto, una Fiat Punto, che usava per le scorribande).

LA LUNGA SEQUENZA DI COLPI – Secondo gli inquirenti, il minorenne sarebbe il responsabile di ben sette colpi messi a segno tra Pozzuoli e Bacoli tra il 6 aprile e il 15 maggio. Nella fattispecie, il 6 aprile il 17enne avrebbe messo a segno una rapina di una fede nuziale e di una borsetta perpetrata in via Solfatara a Pozzuoli ai danni di una passante 63enne del luogo; appena una settimana dopo, il 13 aprile, una rapina di borsa e di oggetti preziosi perpetrata in via Montenuovo Licola Patria, a Pozzuoli con lesioni ai danni di una passante 41enne di Licola. Ancora il 20 aprile, una rapina di borsetta perpetrata in via San Gennaro Agnano, sempre a Pozzuoli, ai danni di una passante 53enne del luogo; il 24 aprile, uno scippo di borsetta perpetrato in via Cappella a Bacoli ai danni di una passante 88enne del luogo. Successivamente, il 7 maggio, avrebbe messo a segno rapina di borsetta e oggetti preziosi perpetrata in via Cappella, sempre a Bacoli, ai danni di una 74enne del luogo; ancora a Bacoli il 13 maggio, il 17enne aveva messo a segno uno scippo di una borsetta in viale Olimpico ai danni di una passante 79enne del luogo; infine il 15 maggio, l’ultima rapina della serie gli aveva fruttato una fede nuziale e un portafogli sottratti in via Solfatara a Pozzuoli ad un 33enne di Sant’Antimo.

 

GDG