Il "Parco dell'Amore"

POZZUOLI – Sesso sicuro a 2 euro e 50 centesimi l’ora immersi nel verde, stando nella propria auto e lontani da occhi indiscreti. Nasce a Pozzuoli “La Parada del Amor”, primo “Love Parking“ nostrano riservato a coppiette in cerca di intimità. Location, manco a farlo apposta, è il vulcano Solfatara, celebre per il viagra naturale sprigionato dalle sue fumarole. Il Parco dell’Amore (inaugurato ieri 29 maggio) è un parcheggio a pagamento con tanto di box auto, separé  e tendine. Sorge in via Coste D’Agnano, a pochi passi dal Rione Solfatara, ed è gestito da due fratelli di Giugliano, Riccardo e Daniele, di 37 e 32 anni che alle auto in entrata regalano un sacchettino contenente un preservativo e un volantino che mette in guardia dai pericoli dell’AIDS.

I "box dell'Amore"

SESSO ALL’APERTO – I clienti arrivano al Parco dell’Amore dopo aver percorso la salita che costeggia il vulcano Solfatara e imboccato il viottolo a sinistra indicato dall’unico segnale. Percorsi un centinaio di metri, al termine di un ripido viottolo, c’è un cancello con tanto di cartello che dà il benvenuto a “La Parada del Amor”.  Al Parco si accede dopo aver ritirato il ticket d’ingresso: il costo è di 5 euro per 2 ore e 1 euro e 50 centesimi per le successive frazioni da mezz’ora. Da queste parti è possibile fare l’amore tutti i giorni, eccetto il martedì e secondo gli orari decisi dalla direzione: dal lunedì al giovedì dalle 18 alle 2 del giorno dopo; dal venerdì alla domenica dalle 18 alle 4 del mattino seguente. Una volta dentro, all’auto di turno viene assegnato uno dei 32 “box dell’amore” ( ce ne sono 22 nella piazzola superiore e 10 in quella sottostante) e appena spenti i motori, il conducente scende dall’autovettura, chiude il telone e si “sigilla” nel suo spazio insieme al proprio partner.

I fratelli Riccardo e Domenico all'ingresso del Parco

“TERZI IN ITALIA” – «Il nostro obiettivo è quello di garantire alle coppie sicurezza, privacy e di evitare atti osceni in luogo pubblico – spiegano Riccardo e Daniele, ideatori di un progetto che potrebbe cambiare le “abitudini” di migliaia di giovani e adulti habitué dei luoghi isolati– Inoltre, questo era un “pallino” che avevamo da tempo. Poi abbiamo avuto amici che avevano subito rapine o che si sono trovati in casi di grande difficoltà e dopo aver assistito alla nascita dei primi parchi dell’amore a Crema e Bari ci siam detti:  vogliamo farlo anche noi. Così cercando su un giornale di annunci abbiamo trovato un terreno qui sulla Solfatara. E, fortunatamente, la nostra idea è piaciuta anche al proprietario del terreno, un anziano, che di fronte alle numerose coppiette che da anni frequentano questa zona ci ha consigliato proprio di fare un luogo di ritrovo per coppie in cerca di intimità». Dunque, da un lato le virtù del viagra naturale, dall’altro l’ingegno dell’uomo: un mix esplosivo per caldi notti di passione con epicentro il Vulcano Solfatara…..

 

GENNARO DEL GIUDICE

 

LE FOTO (di Angelo Greco)

[cronacaflegrea_slideshow]