L'Alfa 147 sulla quale viaggiava il 21enne

POZZUOLI – Uno schianto terribile, le auto che finiscono di traverso al centro della strada, le lamiere accartocciate. Per soccorrere gli occupanti, tutti giovanissimi, è stato necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco che hanno dovuto tagliare le lamiere. Otto in tutto i feriti, tra questi uno è in coma cerebrale, un’altra in coma farmacologico. La vita di G.C.,  21 anni, residente a Monte di Procida, è appesa ad un filo: in queste ore sta lottando contro la morte nel reparto di rianimazione dell’ospedale “Santa Maria delle Grazie”. Mentre la fidanzata di 18 anni è sarebbe stata indotta in coma farmacologico dai sanitari. Da oltre 24 ore amici e parenti affollano la sala di rianimazioni dell’ospedale puteolano in attesa di notizie.

LO SCHIANTO – Pare che G.C. si trovasse insieme ad altri 5 amici, alla guida dell’Alfa Romeo 147 che martedì sera poco dopo le 23 si è schiantata contro una Fiat Panda guidata da un giovane di Pozzuoli.  Secondo una prima ricostruzione fatta con l’ausilio di testimonianze sul posto le due auto si sarebbero scontrate frontalmente. Una distrazione, l’alta velocità, una manovra errata o un sorpasso azzardato ed è accaduto l’irreparabile.

Le auto coinvolte nell'incidente

UN SORPASSO AZZARDATO – L’impatto è avvenuto in via Raimondo Annecchino, a trecento metri dalla stazione della Cumana di Arco Felice. L’Alfa 147 stava viaggiando in direzione del centro storico di Pozzuoli, mentre dalla corsia opposta sopraggiungeva la Fiat Panda. I due veicoli ad un certo punto impattavano frontalmente finendo di traverso al centro della carreggiata. Dalla posizione delle due autovetture a seguito dell’incidente, sembrerebbe che uno dei veicoli abbia azzardato un sorpasso finendo poi per scontrarsi contro quella che viaggiava nell’opposta corsia di marcia.

GRAVI DUE GIOVANISSIMI – Dopo l’urto la 147 sarebbe poi finita contro un’altra auto parcheggiata lungo la strada.  Concitati gli attimi successivi all’impatto, tra le grida degli occupanti delle due autovetture. Subito apparivano gravi le condizioni del 21enne e della ragazza di 18 anni che si trovava seduta dietro il lato guida. Sul posto giungevano i sanitari del 118, i Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile e una volante del Commissariato di Polizia di Pozzuoli.

Distrutta la 147 sulla quale viaggiavano i 6 ragazzi

LE INDAGINI – sul sinistro sono condotte dai militari diretti dal comandante Roberto Spinola. Per aiutare gli occupanti a scendere i giovani dai veicoli era necessario l’intervento dei vigili del fuoco. In tutto otto le persone rimaste ferite e refertate all’Ospedale “Santa Maria delle Grazie” di Pozzuoli. Ma le condizioni più gravi erano del 21enne di Monte di Procida. Preoccupanti anche le condizioni di una ragazza che era con lui nell’abitacolo. Ressa in ospedale quando sono giunti i familiari dei giovani coinvolti  nell’incidente a seguito del quale veniva disposto il sequestro dei  due veicoli. Per diverse ore la zona rimaneva chiusa al traffico per consentire le operazioni di soccorso e il rilievo del sinistro. Intanto è polemica sulle condizioni delle strade puteolane.

GENNARO DEL GIUDICE
[email protected]